Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Domenica 21.01.2018 ore 13.40
Sei qui: Home | Zola Predosa, uccisa: arrestato il pirata
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Zola Predosa, uccisa: arrestato il pirata


I carabinieri della stazione di Zola Predosa e del Nucleo operativo radiomobile della compagnia di Bologna Borgo Panigale hanno arrestato il pirata della strada che sabato pomeriggio ha ucciso Lina Romagnoli. Si tratta di un cinquantunenne italiano, residente a Zola Predosa.

 
L’uomo dovrà rispondere di omicidio stradale, fuga del conducente e omissione di soccorso. Stando alla ricostruzione dei fatti, l’automobilista, dopo aver investito Lina Romagnoli, all’altezza del civico 232 di via Risorgimento, era tornato a casa e aveva parcheggiato la sua Volkswagen Golf che durante l’incidente era rimasta danneggiata all’altezza della fiancata e del faro anteriore destro. 
In seguito, il cinquantunenne si era recato presso un’officina del luogo per la riparazione dell’auto, ma è stato scoperto dai carabinieri. I militari, infatti, subito dopo l’incidente avevano avviato una massiccia attività investigativa, passando al setaccio le immagini registrate dalle videocamere di sorveglianza installate in zona, ascoltato diversi testimoni e controllato le carrozzerie della zona.

L’intervento dei carabinieri della Sezione Investigazioni scientifiche del comando provinciale di Bologna ha consentito di appurare che la parte danneggiata della Volkswagen Golf corrispondeva con i frammenti di plastica sequestrati sul luogo dell’investimento. Ai carabinieri che gli si sono presentati a casa, il cinquantunenne, in evidente stato di agitazione, prima ha tentato di attribuire la colpa a terzi, poi ha ammesso le proprie responsabilità e su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna è stato messo agli arresti domiciliari.          
 
 
 


Ultimo aggiornamento: 18/12/17

Esprimi il tuo commento