Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 20.11.2017 ore 20.07
Sei qui: Home | Truffe online: la banda ha cuore a Reggio
1 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Truffe online: la banda ha cuore a Reggio


Dalle prime ore di questa mattina lunedì 16 ottobre i carabinieri del Comando di Reggio Emilia, con i colleghi sul competenti sul territorio, stanno dando corso in Emilia Romagna, Piemonte, Basilicata, Lombardia e Campania, all'operazione Deep Impact nei confronti di 18 indagati per associazione per delinquere, truffa aggravata, ricettazione, sostituzione di persona, uso indebito di carta di credito, estorsione e falso in atto pubblico.


 
Sono in corso perquisizioni ed arresti in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Reggio Emilia - su richiesta del pubblico ministero Valentina Salvi. 
Circa 500 i colpi commessi in tutta Italia dall'organizzazione criminale, prevalentemente composta da donne, in una sorta di "quote rosa", al cui vertice vi era proprio una di loro.

 
L'inchiesta dei Carabinieri di Reggio Emilia ha visto, per la prima volta in Emilia Romagna, secondo un recentissimo orientamento della Suprema Corte di Cassazione (C., Sez. II, 29.9.2016, n. 43706), il riconoscimento dell'aggravante della «minorata difesa» con riguardo alle truffe online, atteso il principio secondo il quale la «debolezza contrattuale» di chi, in rete, non ha la possibilità di verificare l'affidabilità del «venditore», è stata ritenuta un'aggravante delle truffe, con conseguente possibilità di applicare misure cautelari anche per tali tipologie di reato, che altrimenti non sarebbero consentite.



Colpiti dall'ordinanza cautelare Franca Ceglia, 49enne, originaria di Giffoni Valle Piana (SA) e domiciliata a Reggio Emilia; Vincenza Ceglia, 53enne, originaria di Giffoni Valle Piana (SA) e residente a Scandiano (RE); Erika Culeddu, 28enne, nata a Scandiano e residente a Reggio Emilia;
Damiano Leone, 29enne, originario di Scafati (SA) e domiciliato a Reggio Emilia;
Giorgio Barone, 29enne, originario di Massa di Somma (NA) e residente a Reggio Emilia.
Sottoposta a obbligo di firma e di dimora: Antonietta Flaminio, 25enne, originaria di Napoli e residente a Scandiano (RE).


Ultimo aggiornamento: 16/10/17

16/10/17 h. 18.59
Mauro dice:

Tutte del SUD ?? Strano

Esprimi il tuo commento