Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 16.07.2018 ore 03.14
Sei qui: Home | Terremoto, Baroni-Fiorini (Fi): emendamenti Lombardia-Emilia
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Terremoto, Baroni-Fiorini (Fi): emendamenti Lombardia-Emilia


"Occorre tutelare senza ulteriori ritardi le comunità e il territorio della Lombardia e dell'Emilia messi in ginocchio dal sisma del 20 e 29 maggio 2012. Per questo motivo, abbiamo presentato una serie di emendamenti al decreto-terremoto appena arrivato alla Camera".

 
Ad annunciarlo sono Anna Lisa Baroni e Benedetta Fiorini, deputate di Forza Italia elette a Mantova e Sassuolo, dopo la bocciatura di identiche proposte avvenuta nei giorni scorsi al Senato.
 
"Si tratta di emendamenti che non necessitano di copertura finanziaria, tranne uno, quello pur importantissimo che proroga la sospensione del pagamento IMU per gli immobili distrutti e non ricostruiti, ancora ce ne sono nonostante il buono stato di avanzamento dei lavori.
 
Sono emendamenti di primario interesse come quello sull'impignorabilità delle risorse economiche corrisposte ai cittadini che devono utilizzarle per ricostruire", aggiungono le deputate azzurre.
 
"Trattandosi di denaro pubblico, appare necessario rendere operativa una riserva di legge in tal senso e inoltre la facoltà di disporre delle risorse economiche per le spese di ricostruzione destinate al funzionamento delle strutture commissariali. Tali risorse sono tutte già nella disponibilità dei commissari straordinari, i presidenti delle Regioni coinvolte", spiegano Baroni e Fiorini.
 
"La maggioranza di stampo pentastellato, nei giorni scorsi, tramite l'on. Alberto Zolezzi, per elencare i motivi dell'inammissibilità al Senato, ha parlato di una supposta rigidità tecnica del decreto, concetto che non esiste affatto perché gli emendamenti presentati erano e sono assolutamente ammissibili e compatibili con il contenuto del decreto, che tratta la medesima materia (ricostruzione post-sisma), né si traducono in ritardo o influiscono sul percorso burocratico delle ricostruzioni in Centro-Italia", sottolineano.
 
 
"Va detto, inoltre, che anche negli anni scorsi abbiamo chiesto e ottenuto dal governo che venissero emendati i titoli dei decreti, come stiamo chiedendo per questo provvedimento, attualmente limitato agli eventi sismici del Centro Italia, ampliandone l'applicazione al sisma del 2012. Nel percorso normativo sono stati coinvolti e informati anche l'on. Andrea Dara, il viceministro Massimo Garavaglia, che già in passato come assessore al Bilancio della Regione Lombardia si è occupato del problema, con grande competenza e sensibilità politica e il sub-commissario consigliere regionale lombardo Alessandra Cappellari, con cui la collaborazione, nell'interesse dei cittadini mantovani, è totale e grande la sintonia sulle necessità della complessa procedura ricostruttiva", concludono Baroni e Fiorini.


Ultimo aggiornamento: 07/07/18

Esprimi il tuo commento