Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Martedì 27.06.2017 ore 21.12
Sei qui: Home | Scuola. Ancora vandali, raid ad Albinea
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Scuola. Ancora vandali, raid ad Albinea


E' la terza volta in pochi giorni: prima a Cadelbosco Sotto, poi a Poviglio, questa volta i vandali hanno colpito alla scuola Renzo Pezzani di via Giotto nella notte tra il 15 e 16 marzo.



Ignoti hanno lanciato blocchi di cemento contro la porta della palestra provocando crepe sulle vetrate dell’ingresso. Inoltre hanno scagliato una pietra contro la finestra di un bagno e hanno mandato in frantumi il vetro. Ma non è finita qui perché, sempre agendo all’esterno dell’edificio, hanno sfilato il tubo dell’idrante e lo hanno legato tra una scaletta e un palo. Per finire hanno scagliato una transenna e un segnale stradale mobile nel cortile di una casa vicina.
Fortunatamente i vandali non sono riusciti a entrare, ma hanno provocato danni ingenti alla scuola.
 
Il comune ha denunciato il fatto ai carabinieri che hanno avviato le indagini per risalire all’identificazione dei responsabili.

 
“Questo è un atto riprovevole che fa male al nostro territorio e accade in un periodo in cui sono state colpite dai vandali anche le scuole di Cadelbosco e Poviglio. – ha commentato il sindaco di Albinea Nico Giberti - Il fatto ancor più grave, e le indagini lo confermeranno, è che a compierlo siano stati giovani che hanno frequentato quella scuola. Stiamo parlando di ragazzi che abitano e vivono nella nostra comunità. Sono fiducioso sul fatto che le immagini in nostro possesso permetteranno alle forze dell’ordine di identificarli. Detto questo – conclude il primo cittadino - per chi è colpevole di questi atti c’è ancora la possibilità di rendere meno pesanti le conseguenze del loro geto. Possono farlo sia presentandosi nel mio ufficio, che alla stazione dei carabinieri di Albinea. Sarebbe un segnale di civiltà minimo da parte loro, dopo tutto quello che hanno fatto”.


Ultimo aggiornamento: 16/03/17

Esprimi il tuo commento