Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Giovedì 23.03.2017 ore 05.14
Sei qui: Home | Scoperto deposito per fabbriche di droga a Correggio
1 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Scoperto deposito per fabbriche di droga a Correggio


Scoperto un deposito per allestire le fabbriche della droga nel Reggiano. Questa volta la centrale della coltivazione è stata individuata dai carabinieri in collaborazione con la squadra mobile della questura tra San Prospero di Correggio e Massenzatico, in un casolare di via Ronchi.

 
Secondo gli investigatori, il casolare-magazzino e serra (dove sono state trovate centinaia di lampade ad alta potenza, trasformatori elettrici, termometri, tubi e cavi elettrici, pompe manuali e sommerse), era il luogo adibito a deposito di materiali per allestire altre nuove fabbriche della droga nel Reggiano. Dentro il casolare non sono state trovate persone, ma gli investigatori sospettano che il traffico fosse controllato da cinesi.


Ultimo aggiornamento: 13/03/17

14/03/17 h. 12.54
Stefano dice:

L? introduzione della Canapa in Italia pare essere avvenuta a opera degli sciiti e degli illirici. Queste popolazioni arrivarono in Italia fra il X e l? VIII sec. a.C. e nel V-IV sec. a.C. si registra una diffusione della coltivazione della Canapa in tutta Italia.
Fino agli anni Trenta, l? Italia era seconda solo alla Russia nella produzione canapiera, mentre era prima come qualità e selezione delle specie vegetali e genetiche.

La aree di produzione canapiera italiana più significative erano quelle dell? Emilia Romagna (Cento, Bondeno, le province di Bologna e Modena, Finale), della Campania (la provincia di Napoli), del Piemonte (la provincia di Cuneo e Torino), del Veneto (Rovigo) e della Lombardia  ( zone affacciate sull? Adda e sul Mincio)
Prima dell'avvento del proibizionismo della cannabis le diverse varietà della canapa erano coltivate in tutto il mondo fin dall'antichità, e utilizzate in vari e numerosissimi campi: il fusto costituiva la materia prima per la produzione di carta[20], fibre tessili in genere (corde, abbigliamento, ecc.), fibre plastiche, e concimi naturali; nella medicina umana e veterinaria le foglie e soprattutto i fiori erano molto utilizzati per vari scopi fra i quali, ad esempio, l'uso antinfiammatorio e sostituivano in quel periodo molti dei farmaci presenti oggi sul mercato. Con la canapa si possono produrre anche cosmetici come creme, shampoo e saponi,ù.La composizione proteica del seme di canapa è a ogni modo unica nel regno vegetale, ed è tra le fonti vegetali più ricche di acidi grassi polinsaturi il contenuto di edestina, eccezionalmente alto, combinato con l'albumina, altra proteina globulare presente in tutti i semi, rende immediatamente disponibili tutti gli amminoacidi. E la chiamano ancora droga. (fonti: trame.bottegadellacanapa.it-Wikipedia)

Esprimi il tuo commento