Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 19.01.2018 ore 23.52
Sei qui: Home | Ruba al Conad di Scandiano, arrestata 34enne di Bibbiano
1 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Ruba al Conad di Scandiano, arrestata 34enne di Bibbiano


Con alcune borse piene di spesa, del valore poi stimato in 300euro, è uscita dalla porta scorrevole dell’entrata che si è aperta al passaggio di altre clienti. L’uscita non è passata inosservata al responsabile del supermercato che, nell’allertare il 112 dei carabinieri, si è posto all’inseguimento della donna che cercava di allontanarsi con la “spesa del mese” fatta senza pagare.

 
La donna, immediatamente raggiunta anche dai carabinieri della tenenza di Scandiano, fatti convergere presso il supermercato Conad di via Mazzini, è stata quindi fermata e scoperta ladra. La carne, il formaggio, la pasta e tantissimi altri beni alimentari, del valore complessivo di 300euro, che erano nelle borse in suo possesso, non erano stati pagati. 
 
Così con l’accusa di furto aggravato i carabinieri di Scandiano hanno arrestato una 34enne residente a Bibbiano, ristretta al termine delle formalità di rito a disposizione della Procura reggiana. 
Nella mattinata odierna è comparsa davanti al Tribunale di Reggio Emilia per rispondere delle accuse a lei contestate. E’ accaduto l’altra mattina intorno alle 11 quando il responsabile del supermercato Conad di via Mazzini, dopo aver allertato il 112, ha inseguito una donna che con delle borse piene di spesa era uscita dal supermercato attraverso le porte scorrevoli dell’entrata approfittando del fatto che le stesse si erano aperte poiché erano appena entrate altre clienti. 
Le indagini proseguono per identificare una possibile complice vista uscire con la ladra e riuscita ad allontanarsi prima dell’arrivo dei carabinieri.
 


Ultimo aggiornamento: 10/11/17

20/11/17 h. 12.16
entrano in vigore le nuove leggi dice:

Davanti ad una folla intimorita ma ebbra di giustizia, alla ladra sono state inflitte 50 nerbate sulla schiena e sul basso schiena. Inoltre gli è stato intimato che la reiterazione del reato comporterà il taglio della mano sinistra, che sarà eseguita da un dipendente del reparto carni senza anestesia. Soddisfazione tra i direttori del supermercato che hanno brindato con 'spumante brachetto dolce' da 9,10 euro.

Esprimi il tuo commento