Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 15.12.2017 ore 05.32
Sei qui: Home | Reggiolo, indaga anche l'Antimafia di Bologna
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Reggiolo, indaga anche l'Antimafia di Bologna


Le indagini sull'omicidio di venerdì a Reggiolo (Reggio Emilia), dove Francesco Citro, 31enne autista crotonese incensurato, è stato assassinato a colpi di pistola sulla porta di casa, passeranno alla Dda.

 
Nel pomeriggio a Bologna è previsto un incontro tra il procuratore Giuseppe Amato, coordinatore della direzione distrettuale antimafia, il Pm Stefano Orsi, sempre della Dda e il sostituto procuratore di Reggio Emilia, Valentina Salvi, per fare un punto investigativo. Presumibilmente il fascicolo verrà poi trattenuto dalla Dda, che lavorerà comunque insieme agli inquirenti reggiani, per approfondire un delitto che ha ancora diversi punti da chiarire.

Mentre continuano serrate le indagini per venire a capo dell'omicidio di Villanova di Reggiolo (Bassa reggiana) avvenuto giovedì 23 novembre scorso, alle 23.30, quando Francesco Citro, 31 anni, camionista incensurato originario di Cutro (Crotone) è stato ammazzato a colpi di pistola davanti alla famiglia, moglie e due bimbi piccoli. Tre ore prima era stato appiccato il fuoco alla macchina di Citro, fiamme che egli stesso aveva spento.
 
Ora gli investigatori stanno indagando a 360 gradi per arrivare a identificare un colpevole. La zona in cui si è consumato l'omicidio, il complesso di Corte Agnese in via Papa Giovanni XXIII, è passata al setaccio dagli investigatori che stanno cercando l'arma dell'omicidio. Impegnati nelle ricerche anche le unità cinofile, nella speranza che i cani possano fiutare qualcosa.
Per quanto riguarda l'omicidio nessuna pista viene esclusa. Dopo l'incontro tra il pm antimafia Stefano Orsi e il pma Valentina Salvi, avvenuto scorso a Reggio Emilia, restano aperte tutte le ipotesi, anche quella del gesto di impeto.
Mentre fino a oggi non vi è nulla di concreto a legare il fatto di sangue di Reggiolo alla criminalità organizzata. E somo state escluse sin dall'inizio parentele dirette tra la famiglia della vittima e clan delle cosche.


Ultimo aggiornamento: 27/11/17

Esprimi il tuo commento