Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 18.06.2018 ore 17.09
Sei qui: Home | Reggio. Testate alla compagna, arrestato
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Reggio. Testate alla compagna, arrestato


L’avere visto un numero telefonico non salvato sulla rubrica del cellulare della compagna l’ha mandato su tutte le furie, tanto da spedire la giovanissima compagna, non ancora 18enne, in ospedale. 
 
Con l’accusa di maltrattamenti in famiglia aggravati e lesioni personali, un 23enne abitante a Reggio Emilia, è stato arerstato dai carabinieri. 
I fatti domenica notte, poco dopo l’una, quando il 23enne, rientrato a casa dopo aver trascorso una serata con gli amici, prendeva il cellulare della compagna trovando nello stato di whatsApp della compagna un numero telefonico non salvato dalla cui foto notava trattarsi di un suo amico. Sebbene in assenza di messaggi il giovane è andato su tutte le furie e colto da un vero e proprio raptus di gelosia, prima ha iniziato a offendere con i peggiori epiteti la compagna invitandola a uscire di casa. 
 
Non soddisfatto è poi passato dalle parole ai fatti e davanti al figlioletto di 10 mesi prendeva a testate la donna, le morsicava la mano tirandole i cappelli. Riuscita a divincolarsi la ragazza prendeva il cellulare chiamando il padre che a sua volta allertava il 112 dei carabinieri. 
Sul posto è giunto un equipaggio del nucleo radiomobile della compagnia di Reggio Emilia che appurati i fatti conducevano l’uomo in caserma affidando la ragazza al padre nel frattempo giunto che la conduceva in ospedale dove dopo essere stata curata veniva dimessa con una prognosi di 3 giorni per i traumi riportati a seguito della condotta violenta del compagno. 
 
Quindi la denuncia formalizzata dalla ragazza dalla quale emergeva, tra l’altro, che già nel recente passato era stato oggetto di violenze da parte del compagno che alla luce dei fatti accertati veniva arrestato con le accuse di maltrattamenti in famiglia aggravati per averli posti in essere davanti al figlioletto e lesioni personali. 
Da registrare che all’atto dell’arrivo dei carabinieri gli stessi militari assistevano al tentativo di aggressione dell’uomo nei confronti della compagna che non andava a buon fine grazie proprio ai carabinieri che bloccavano l’uomo vincendone la resistenza.
 


Ultimo aggiornamento: 04/06/18

Esprimi il tuo commento