Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Mercoledì 20.09.2017 ore 16.48
Sei qui: Home | Reggio. Pedofilo libero, Csm chiede atto gip
1 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Reggio. Pedofilo libero, Csm chiede atto gip


La decisione del Consiglio superiore della magistratura arriverà dolo dopo l'esame del provvedimento giudiziario del quale è già stata fatta richiesta. Giunti a quel punto verrà deciso se aprire una pratica nei confronti del gip del Tribunale di Reggio Emilia, Giovanni Ghini.

 
A chiedere l'apertura in prima commissione per valutare eventuali profili di incompatibilità ambientale o funzionale era stato il 21 agosto il consigliere laico Pierantonio Zanettin (Fi). Una richiesta legata alla scarcerazione di un richiedente asilo pachistano, reo confesso di violenza carnale ai danni di un tredicenne disabile. Il comitato di Presidenza del Csm ha deciso di richiedere il provvedimento giudiziario al Presidente del Tribunale di Reggio Emilia.
Nell'avanzare la richiesta, Zanettin sottolineava che Ghini aveva deciso di revocare la misura cautelare degli arresti domiciliari alla luce "dello straordinario senso di autodisciplina dimostrato dall'indagato", "disponendo solo il divieto di avvicinamento al minore e l'obbligo di firma in caserma". Una decisione "impugnata dal pm", ricordava.
   


Ultimo aggiornamento: 31/08/17

31/08/17 h. 10.22
Adolf dice:

Gli arresti domiciliari di questo giovanotto affetto da priapismo dovrebbero essere disposti presso l'abitazione del giudice Ghini.
Visto che ha decretato l'assoluta affidabilità e non pericolosità dell'imputato, il giudice non correrà nessun rischio.

Esprimi il tuo commento