Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Martedì 19.06.2018 ore 10.29
Sei qui: Home | Reggio. Fcr, Comune ha approvato il bilancio
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Reggio. Fcr, Comune ha approvato il bilancio


Il Consiglio comunale ha approvato – con 21 voti favorevoli (Art.1 – Mdp, pd, SI) e 8 voti contrari (FI, Gruppo Misto, Grande Reggio – Alleanza civica, Lista civica Magenta – Alleanza civica, M5S) – il Bilancio consuntivo 2017 dell'azienda speciale Farmacie comunali riunite (Fcr), partecipata al 100% dal Comune di Reggio Emilia. Il conto si chiude con un risultato positivo di 15.721 euro, al netto di ammortamenti per 841.490, di sconti ai cittadini per circa 1 milione di euro e di imposte per 60.789.
 
L'aumento della spesa assistenziale e il lavoro fatto dall'azienda sul fronte del progetto "Reggio Emilia Città senza barriere" ha da un lato impegnato l'organizzazione, dall'altro richiesto una maggior copertura da parte del Comune ai costi dell'assistenza sempre con dinamiche in crescita.
Il margine commerciale complessivo risulta essere pari a circa 26,5 milioni di euro, con i ricavi netti commerciali pari a 158,3 milioni, in lieve aumento rispetto al 2016.
 
Gli investimenti 2017 ammontano complessivamente a circa un milione di euro. I progetti hanno riguardato l'apertura della nuova farmacia in concessione nel Comune di Casalgrande, la migrazione del sistema gestionale di farmacia (acquisto software, acquisto e preparazione hardware, formazione e addestramento), lavori di sistemazione di locali di terzi detenuti in affitto per interventi di revisione layout di alcune farmacie, sostituzione di strumenti ed attrezzature divenute obsolete e non più funzionali, primi stati avanzamento dell'edificazione della nuova Farmacia Ospedale H24.
 
Questi risultati si sono ottenuti nonostante il perdurare delle difficoltà del mercato farmaceutico, dovute alle misure governative e regionali sul contenimento dei prezzi dei farmaci, alla diminuzione dei consumi e alla forte concorrenza sia del privato, sia delle grandi realtà di vendita.
 
Tutta la struttura aziendale ha dimostrato la propria capacità nell'affrontare anche situazioni di estrema complessità, mantenendo un continuo orientamento al miglioramento della gestione e dei servizi ai cittadini.
 
La spesa sociale netta invece è delineata in aumento di circa 500 mila di euro rispetto al consuntivo 2016.
 
La gestione di servizi di welfare nel 2017 ha riguardato, come da contratto di servizio Comune-Fcr, i settori disabili, anziani, minori e servizi socio-educativi; ad essi vanno aggiunti ulteriori servizi genericamente indicati come "trasversali" tra cui in particolare le attività di sportello sociale.
 
Il totale dei costi sostenuti da Fcr per la realizzazione di queste attività è stato, al netto dei ricavi, di 9.924.850, includendo il personale dipendente dedicato e la quota di spese generali afferenti la divisione aziendale dei servizi sociali.
 
Nel 2017 continua a incidere nelle aree della non-autosufficienza la progressiva riduzione della capacità di copertura del Fondo regionale per la non autosufficienza, a fronte invece di un incremento generale dei costi e degli utenti/servizi.
 
Sul versante della programmazione delle risorse e riprogettazione dei servizi si è mantenuto centrale lo sforzo congiunto tra istituzioni e gestori sia verso la razionalizzazione, sia nel reperimento di risorse e sperimentazione di pratiche per sviluppare forme di accoglienza e supporto in comunità.
 
Il fatturato complessivo del 2017 supera i 36 milioni di euro.
 
Le azioni messe in campo, anche per contrastare l'apertura di quattro nuove farmacie concorrenti in città, hanno contenuto le prevedibili perdite ed al contrario si è migliorato nettamente il valore medio delle vendite a pagamento.
 
Le diverse azioni in farmacia sono state indirizzate in particolare ad evoluzioni legate ai servizi, alle attività promozionali e di marketing, alla formazione, agli investimenti strutturati e all'informazione sanitaria.
 
L'anno 2017 del settore di distribuzione intermedia dell'azienda è stato caratterizzato dalle intense attività di continua ricerca delle sinergie tra il magazzino ospedaliero e il magazzino pubblico. La stretta collaborazione tra le due divisioni ha portato ad un ulteriore miglioramento dei processi logistici e commerciali all'interno del magazzino di via Doberdò già iniziato nel 2016. I ricavi conseguiti nel 2017 dalla divisione "Distribuzione intermedia" dell'azienda sono stati complessivamente di 143 milioni di euro, in aumento dello 0,34% rispetto al 2016. Il magazzino dell'azienda si conferma leader della distribuzione provinciale; i clienti totali serviti complessivamente nelle aree di distribuzione a livello nazionale sono circa 1.800.


Ultimo aggiornamento: 21/05/18

Esprimi il tuo commento