Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Mercoledì 20.09.2017 ore 16.36
Sei qui: Home | Reggio, martedì inizia la Sagra della Giareda
2 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Reggio, martedì inizia la Sagra della Giareda


Si rinnova dal 5 al 10 settembre l'appuntamento con la Sagra della Giarèda, una delle manifestazioni più care ai reggiani, che dagli anni Ottanta costituisce un tradizionale momento di ritorno e ritrovo della comunità dopo la pausa estiva.



La festa, giunta nel 2017 alla sua 38^ edizione, ruota intorno all'8 settembre e alla celebrazione liturgica della Natività della Beata Vergine Maria, unendo la ricorrenza religiosa – la Madonna della Ghiara è patrona di Reggio Emilia e della diocesi - ad aspetti culturali, artistici, di promozione del territorio e del commercio, offrendo un momento comune di incontro.
 
La 38^ edizione della Sagra della Giareda è stata presentata questa mattina nel corso di una conferenza stampa dall'assessora a Città storica e Attività produttive Natalia Maramotti; il presidente della Provincia di Reggio Emilia Giammaria Manghi; Elisa Bellesia componente della Fabbriceria laica della Ghiara; il priore della Comunità dei Servi di Maria della Ghiara padre Cesare Antonelli e Lorena Belli, dirigente comunale del Servizio sportello attività produttive ed edilizia del Comune di Reggio Emilia.
"La Sagra della Giarèda richiama con forza le tradizioni della nostra città – ha detto l'assessora Natalia Maramotti – e rappresenta, negli aspetti religiosi e laici, un elemento simbolico di grande importanza per la collettività e un momento di forte condivisione. Quest'anno un'attenzione particolare sarà dedicata alla musica: vengono inoltre riconfermati alcuni degli appuntamenti fissi per la cittadinanza, come gli Altari Fioriti, che costituiscono anche un'occasione per promuovere le bellezze artistiche della Basilica della Ghiara, o il Concorso di poesia dialettale, un momento molto partecipato dai reggiani e di apprezzato valore letterario, che preserva una tradizione importante come il dialetto".
"Feste di comunità come la Giareda – ha detto il presidente Giammaria Manghi - rappresentano un momento importante di riconoscimento identitario dal punto di vista culturale, più che mai in un momento in cui il mondo cambia velocemente e gli aspetti più tradizionali rischiano di scomparire, e di appartenenza al territorio nella valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche qualificative della provincia reggiana".
Padre Cesare Antonelli ha presentato gli appuntamenti religiosi della Giareda e ha sottolineato la forte mariana della città, confermata fra l'altro dalla forte presenza, 5mila persone, al pellegrinaggio dalla Ghiara alla Cattedrale per la Consacrazione della diocesi a Maria il 13 maggio scorso. Padre Cesare ha inoltre ricordato l'impegno della città per le Celebrazioni del quarto centenario della traslazione dell'immagine miracolosa della Madonna della Ghiara, che si svolgeranno il 12 maggio 2018.
Elisa Bellesia ha ricordato il programma delle visite guidate alla Basilica e al Museo della Ghiara, mentre Lorena Belli è entrata nel dettaglio del programma degli eventi in città illustrando anche alcuni nuovi aspetti legati alla sicurezza.
 
Durante i cinque giorni della Giarèda, infatti, per ragioni di sicurezza, a interdizione fisica del traffico veicolare, saranno posizionati plinti e fioriere alle due estremità del corso Garibaldi: in piazza Gioberti e piazza Roversi. Le quattro vie che costituiscono i punti d'accesso autorizzato in corso Garibaldi - per soccorsi, aventi diritto ed espositori - saranno: via Guasco, via Bardi, via Panciroli e via Porta Brennone, che saranno comunque chiuse con transenne mosse da personale addetto specializzato in sicurezza presente sul posto. Al momento del passaggio sarà controllato l'effettivo diritto al transito.
 
La Sagra sarà inaugurata dal sindaco, Luca Vecchi, martedì 5 settembre, alle ore 17, in piazza Gioberti, insieme ad autorità civili e religiose. La giornata principale della Sagra sarà l'8 settembre, festa della Natività della Beata Vergine Maria: alle ore 11 nella Basilica della Ghiara si terrà la messa solenne presieduta dal vescovo Massimo Camisasca, con l'apertura del nuovo Anno pastorale.
Saranno numerosi gli appuntamenti della Giarèda in programma in corso Garibaldi e nelle sue immediate vicinanze, in piazza Prampolini, in piazza San Prospero e nelle vie del centro storico.
Un ruolo da protagonista sarà riservato alla musica, che farà da filo conduttore a tutta la manifestazione: quella sacra in accompagnamento delle celebrazioni religiose, quella profana classica e moderna con la Filarmonica città del Tricolore ( sabato 9 settembre) e quella della rassegna Soli Deo Gloria, con il concerto in programma domenica 10 settembre nella chiesa di San Francesco, con musiche di Liszt, Scarlatti e Bach. Tra gli appuntamenti più attesi, in piazza San Prospero il Concerto per campane e Fivessence Brass Quintet (domenica 3 settembre, ore 21), a cura dell'Unione campanari reggiani, del Comitato per il restauro della torre di San Prospero e del Fai Reggio Emilia. Il Quintetto di ottoni, posizionato sul sagrato della Basilica di San Prospero, duetterà anche con il suono della maestose ed imponenti cinque campane collocate sulla Torre ottagonale della Basilica, suonate per l'occasione dai campanari dell'Unione campanari reggiani, i quali proporranno anche brani per sole campane della tradizione reggiana. I brani per ottoni e campane che verranno eseguiti sono stati appositamente commissionati per questa occasione e arrangiati dal maestro Andrea Mastroeni.
È invece in programma giovedì 7 settembre il concerto del gruppo reggiano Lassociazione, mentre si ispira alle storie di Matilde di Canossa l'esibizione dei Matelda con "Dieci leggende in musica" (sabato 9 settembre). Martedì 5 settembre, infine, nella cornice del Chiostro del convento della Ghiara è previsto il concerto di Luca Orlandini al pianoforte.
Nell'ambito di Soli Deo Gloria, domenica 10 settembre sarà possibile inoltre partecipare a Campanili aperti, visite guidate all'interno della Torre, della cella campanaria e alle campane della Basilica di San Prospero.
 
Non mancheranno le visite guidate al Museo della Basilica della Ghiara e gli Altari fioriti, allestiti dai fioristi reggiani: la premiazione dei migliori lavori realizzati si svolgerà giovedì 7 settembre alle ore 17 nella Basilica. Senza dimenticare gli espositori lungo corso Garibaldi, con gli stand di artigianato artistico, delle associazioni di volontariato e le classiche bancarelle.
Immancabile all'appuntamento, mercoledì 6 settembre alle 18, nella Sala del Tricolore (piazza Prampolini 1), la premiazione del 38° Concorso di poesia dialettale "La Giarèda", promosso dalla Fabbriceria della Ghiara. Per questa edizione, sono stati 27 gli autori partecipanti e 37 i componimenti presentati.
 
Anche quest'anno corso Garibaldi sarà ricco da bancarelle di prodotti artigianali e altro. Solamente in corso Garibaldi, saranno una sessantina gli espositori, tra associazionismo solidale, artigianato artistico e ambulanti venditori di dolciumi, articoli per la casa, pelletteria, tessuti e biancheria, modernariato e vintage, saponi e prodotti per la persona, sartoria, cibo e tanto altro per il tradizionale mercatino della Giareda.
In piazza Gioberti, inoltre, saranno presenti gli stand di 35 produttori agricoli.
Sabato 9 e domenica 10, via Emilia Santo Stefano accoglierà i visitatori della Giarèda con i negozi aperti e il mercatino dell'artigianato ed enogastronomia.
 
Diverse le associazioni presenti per sensibilizzare la città sui diversi temi su cui sono impegnate e per raccogliere fondi: Admo, Aido, Andos Onlus, Artemisnike, Asd progetto danza, Asd Subacquea Sesto continente, Avis Reggio Emilia, Centro diurno Arcobaleno-Centro socio-riabilitativo La Cava, Centro Upm, Centro teatrale Mamimò, Croce verde, Fa.Ce, la Bottega del Natale, Lega nazionale difesa del Cane, Let's Dance centro permanente danza, Lilt, L'Indaco, Millesoli, Obiettivo Danza, Privatassistenza La Carezza, Uic, Unicef, Wwf, I santi innocenti.
Tornerà inoltre l'atteso appuntamento con la festa del Pan de Re e delle eccellenze reggiane, dislocata in piazza Gioberti e all'interno del cortile di palazzo Allende.
 
In via Guasco, nel Chiostro grande della Ghiara (sede dell'Ostello cittadino) si trovano invece le esposizioni: XXVI Mostra nazionale Bonsai Suiseki, XIV Progetto futuro, a cura di Helen Club Bonsai (sabato 9 e domenica 10). La premiazione in questo caso si svolgerà domenica alle 17.
Dal 9 al 24 settembre, invece, i Chiostri di San Domenico ospiteranno la tredicesima Biennale del ricamo.
 
Per tutta la durata della Giarèda, infine, nel chiostro del convento della Basilica sarà possibile visitare la mostra "Vita, messaggio e spiritualità di santa Madre Teresa", a cura della cooperativa sociale Madre Teresa. L'inaugurazione è in programma martedì 5 settembre alle ore 21.15. La Sala del presepio ospiterà invece la mostra di icone "I misteri del Rosario di Greis Marie".
 
 
 


Ultimo aggiornamento: 31/08/17

05/09/17 h. 8.06
Triste, ma é così dice:

Analisi spietatamente perfetta

04/09/17 h. 23.42
Adolf dice:

Sempre la solita roba inutile... vasetti, olive, peperoncini, vestiti da mercato rionale, artigianato del piffero.
Cercate uno spunto, una novità, qualcosa di diverso dagli ultimi vent'anni di giarede?
Macché, ormai è solo una sorta di raduno per famiglie di imborniti in tuta Asics e con figli obesi pettinati come Balotelli, una sorta di Petali a cielo aperto.

Esprimi il tuo commento