Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Domenica 21.01.2018 ore 13.22
Sei qui: Home | Reggio, l'Arci provinciale va al congresso
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Reggio, l'Arci provinciale va al congresso


L'Arci provinciale va a Congresso. Si terrà lunedì 18 dicembre (ore 18), a L'Altro Teatro di Cadelbosco di Sopra, guidato dallo slogan "Nella realtà dei fatti, costruendo insieme il nostro futuro".



Il sesto Congresso provinciale dell'Associazione Ricreativa Culturale Italiana arriva dopo circa due mesi di assemblee di base, da ottobre a dicembre, in cui i 142 circoli reggiani legati ad Arci, in rappresentanza dei circa 48 mila soci, si confronteranno intorno ai temi legati al futuro dell'Associazione e alla sua identità. Il dibattito sarà articolato a partire dalla riforma del Terzo Settore che proprio nel 2018 vedrà la piena entrata in vigore. Molti i cambiamenti che in maniera diretta o indiretta riguarderanno da vicino la rete dei circoli tra modalità operative nuove, nuovi obblighi, ma anche nuove possibilità di intervento.
 
Lunedi per l'Arci di Reggio Emilia sarà il momento del rinnovo degli organismi a partire dalla ricandidatura del presidente uscente Daniele Catellani che affronterà il secondo mandato. I circa 200 delegati saranno alle prese con la definizione delle linee programmatiche del prossimo quadriennio, la tutela e lo sviluppo dei circoli, la valorizzazione del volontariato circolistico, il dialogo intergenerazionale, la formazione, la progettazione culturale e la promozione sociale. Questi i contenuti del 6° Congresso dell'Arci di Reggio al quale, interverranno anche la presidente nazionale Francesca Chiavacci, Luca Vecchi, sindaco di Reggio, Tania Tellini, sindaco di Cadelbosco di Sopra, Federico A. Amico, presidente regionale arci, Giammaria Manghi, presidente Provincia Reggio, Luca Bosi, vice presidente Legacoop Emilia Ovest, Guido Mora, segretario Cgil Reggio, Umberto Bedogni, presidente DarVoce, Ermete Fiaccadori presidente Anpi. 
 
Nella realtà dei fatti, costruendo insieme il nostro futuro. Nelle parole simboliche che traghettano l'Arci in questo passaggio d'epoca è forte la spinta ideale ma anche la concretezza dettata dagli scenari di una crisi economica e sociale che non è ancora passata e che i volontari dell'Arci, proprio nei 60 anni della nascita dell'associazione, vogliono affrontare con gli stessi valori di sempre. 
 
 


Ultimo aggiornamento: 16/12/17

Esprimi il tuo commento