Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Giovedì 21.09.2017 ore 06.51
Sei qui: Home | Reggio, abitare e qualità dello spazio pubblico
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Reggio, abitare e qualità dello spazio pubblico


Sabato 9 settembre alle ore 17.30, in Piazza Pablo Neruda - Via Wybicki a Reggio Emilia, si terrà una conferenza di architettura dedicata al Piano Inacasa, ideata e organizzata da Elena Romani, Andrea Rinaldi e Ordine degli Architetti di Reggio Emilia, con il supporto di Marazzi e Bardi Costruzioni e la collaborazione del Comune di Reggio Emilia e della rivista internazionale di architettura Casabella.

 
Il 24 febbraio 1949 il Parlamento italiano approvò un progetto di legge, proposto dal ministro del Lavoro Amintore Fanfani, con l’obiettivo di fornire nuova edilizia sociale e, al contempo, incrementare l’occupazione operaia. In 14 anni di attuazione, attraverso il Piano Inacasa, furono costruiti 355.000 alloggi e furono aperti 20.000 cantieri con impiego di manodopera stabile quantificabile in circa 41.000 lavoratori edili all'anno. 
Migliaia di famiglie ebbero la possibilità non solo di trovare un alloggio, ma di migliorare le proprie condizioni abitative. Ma non solo: gli urbanisti e gli architetti coinvolti, alcuni di loro tra ì più importanti protagonisti dell’architettura italiana del 900, ebbero l’opportunità di dare forma alle nuove città italiane del dopoguerra. 
 
A Reggio Emilia, il caso più significativo è l’edificazione del complesso localizzato sulla ex “Via per Scandiano”, in quella che oggi ha assunto il nome di Via Josef Wybicki nel quartiere Rosta Nuova, progettato degli architetti Franco Albini, Enea Manfredini e Franca Helg e costruito tra il 1959 e il 1963.
La conferenza, aperta a tutta la cittadinanza, intende illustrare uno dei momenti cruciali della storia dell’urbanistica e dell’architettura del Novecento italiano, come furono progettati e costruiti allora gli alloggi, e l’uso che i cittadini hanno fatto degli spazi residenziali e relazionali, ponendo la dovuta attenzione a come si presentano oggi nel paesaggio urbano, a distanza di più di 50 anni. 
 
Dopo i saluti del Sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi e l’introduzione del nuovo Presidente dell’Ordine degli Architetti di Reggio Emilia Giorgio Teggi, la giornata prevede una prima conferenza sul Piano Inacasa e la sua declinazione alla Rosta Nuova, con la partecipazione di Paola Di Biagi, Professoressa di Urbanistica alla Facoltà di Architettura di Trieste, e lo storico reggiano Antonio Canovi; la seconda, illustrerà il lavoro dei due importanti architetti che hanno progettato via Wybicki, Franco Albini ed Enea Manfredini, con la partecipazione del Professor Federico Bucci - Prorettore del Politecnico di Milano al Polo di Mantova- e del Professor Francesco Dal Co - Professore di storia dell’architettura all’Università Iuav di Venezia e Direttore di Casabella. 
La partecipazione alla conferenza darà diritto all’erogazione di 3 Cfp per Architetti, previa iscrizione obbligatoria sulla piattaforma del Consiglio Nazionale degli Architetti iM@teria (https://imateria.awn.it/).
 
 
 


Ultimo aggiornamento: 06/09/17

Esprimi il tuo commento