Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 24.07.2017 ore 20.31
Sei qui: Home | Reggio, a Politicamp prove d'intesa a sinistra
2 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Reggio, a Politicamp prove d'intesa a sinistra


Al Chiostro della Ghiara, a Reggio Emilia, davantia circa 200 persone, si sono incontrati Giuseppe Civati (Possibile), Roberto Speranza (Art. 1-Mdp), Nicola Frantoianni (Sinistra italiana) e Alessandro Capelli (Campo progressista). I quattro si sono detti pronti a tessere alleanze in vista della prossima campagna elettorale, anche se vi sono ancora differenze da appianare tra i vari movimenti.

 
Giuseppe Civati ha voluto rimarcare che non è possibile "nessuna alleanza con il Pd che ormai viaggia su un'altra strada. E' stato Matteo Renzi a tagliare i ponti con il libro Avanti che riporta indietro l'orologio della politica".
 
Per il corrdinatore di Art. 1 Mdp "le future alleanze dipnedono esclusivamente dai progetti che si mettono in campo. In alcuni casi si può lavorare assieme nella politica locale in vista di obiettivi comuni da raggiungere, mentre sul piano nazionale si può ragionare in modo diverso".
Per il segretario di Sinistra italiana Nicola Frantoianni "occorre cotruire un quarto polo che sia alternativo al M5S, ma anche al Pd e alle destre".  
 


Ultimo aggiornamento: 17/07/17

19/07/17 h. 23.37
Antitaliano dice:

Altra vicenda che denota il ritardo culturale di questo maledetto e regredito paese: 4 aspiranti leader (ironico, no?) tutti rigorosamente maschi.
Il calendario segna 2017, ma noi siamo fermi a due secoli fa. Che tristezza!

17/07/17 h. 11.22
rancorosi e basta dice:

Da quanto tempo discutono per mettersi insieme? Non ci sono ancora riusciti. Sono allo stesso punto del precedente Politicamp di un anno fa. Li unisce il rancore per Renzi, ma il loro progetto è confuso. Non sono comunisti, non sono socialisti... Possono assomigliare al massimo ai Ds di Bersani, che persero sempre. Mezze figure di cui si spera che la legge elettorale con uno sbarramento per i piccoli movimenti ne faccia giustizia.

Esprimi il tuo commento