Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Domenica 19.11.2017 ore 04.15
Sei qui: Home | Reggio, "ammazzato e sepolto in cantiere"
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Reggio, "ammazzato e sepolto in cantiere"


Un caso di omicidio avvolto dal mistero e poco chiaro è stato rivelato dal pentito di 'ndrangheta Antonio Valerio, come riporta la Gazzetta di Reggio.


Il collaboratore di giustizia, in una delle sue deposizioni fiume che arrivano in video-conferenza da un'aula bunker segreta, ha parlato di un assassinio consumatosi tra gli anni 2004 e 2008. Il cadavere poi sarebbe stato nascosto in un cantiere edile. Ha aggiunto il pentito: "C'è chi sa di questo omicidio... Ma non parla".
Poi invece lo stesso pentito Valerio descrive la preparazione di un delitto che sarebbe dovuto avvenire a Mantova, anche se non svela il nome del bersaglio. In questo frangente, nella ricostruzione dei fatti, fa i nomi del muratore Antonio Rocca, già condannato a Brescia e di Giuseppe Loprete, detto "Pino il fabbro".


Ultimo aggiornamento: 19/10/17

Esprimi il tuo commento