Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Mercoledì 25.04.2018 ore 14.31
Sei qui: Home | Reggiana, Mapei annuncia azioni legali
2 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Reggiana, Mapei annuncia azioni legali


Dopo le accuse dei giorni scorsi da parte dei patron americani della Reggiana Calcio, il presidente Mike Piazza e la moglie Alicia, vicepresidente. E dopo alcuni striscioni appesi a Sassuolo vicino all'azienda, la Mapei (la multinazionale a capo del Sassuolo Calcio e padrona dello stadio di Reggio Emilia) in un comunicato fa sapere di stare valutando di ricorrere alle vie legali.

 
La multinazionale modense respinge in toto l'accusa di avere "ricattato" i vertici granata e ribatte che i dirigenti della Reggiana hanno creato un "clima intimidatorio contro Mapei, Mapei Stadium, Sassuolo Calcio e i loro rappresentanti, riferendo circostanze assai lontane dalla realtà evidentemente al fine di addossare ad altri le cause delle perdite accumulate dalla loro società".
 
La Mapei, inoltre, sostiene che il patron americano della Reggiana non abbia ragione di sostenere di non esssere stato informato dei contratti in essere per lo stadio.
Mentre per lo stesso stadio il gruppo modenese ricorda di avere già investito 8,2 milioni di euro, questo per rendere l'impianto, ormai fatiscente, una delle pià apprezzate strutture del campionato dell'intera Serie A.
Venendo poi al punto dell'affitto della Reggiana, passato da 250mila euro a 280mila, più i costi di getione, "addebitati solo in minima parte" società, "devono ritenersi false e diffamatorie le affermazioni dei coniugi secondo cui Mapei vorrebbe lucrare sulla gestione dello stadio". 
Mapei sottolinea, inoltre, che alla luce dei 6 milioni di euro di perdite del bilancio, chiuso al 30 giugno 2017, il costo dello stadio "incide del 2,90%, una cifra pertanto decisamente irrisoria e lungi dal costituire quello che è definito dal sig. Piazza 'un insostenibile tributo'".


Ultimo aggiornamento: 14/03/18

15/03/18 h. 18.54
dario dice:

per acquisire e gestire una squadra di calcio ci vogliono soldi. tanti soldi. che i Piazza non hanno (o non vogliono mettere). mi da l'idea dei soliti avventurieri usi a far festa con i soldi degli altri...........

14/03/18 h. 19.24
Paolo dice:

Tutti che annunciano azioni legali, le azioni legali si fanno non si annunciano. Però il problema vero per Mapei è che l'anno prossimo il Sassuolo è in B con introiti disintegrati, pubblico da 5/600 spettatori a partita, e ingaggi in essere da serie A. L'unica via d'uscita per Squinzi è dare una mano alla Reggiana a Salire in B che in ogni caso porterebbe un indotto economico del tutto diverso con 6/7000 spettatori a partita, altro che depauperarla o cercare di farlo con cause risarcitorie. Ci pensi Sig. Squinzi, ci pensi è l'unica via d'uscita, poi magari con un altro aiutino la spingerà in A, poi entrerà per una quota nella società e rientrerà in buona parte dei soldi investiti, i tifosi dimenticheranno in fretta e diventeranno simpatizzanti mapei.

Esprimi il tuo commento