Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Mercoledì 22.08.2018 ore 05.41
Sei qui: Home | Quattro Castella, tracima il Rio Bianello
1 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Quattro Castella, tracima il Rio Bianello


Una notte di paura. E’ quella che hanno vissuto i cittadini della zona nord di Quattro Castella colpita da un’eccezionale ondata di maltempo nella notte tra il 7 e l’8 giugno.
In particolare, le abbondanti piogge scese già dalle prime ore della serata hanno causato, intorno alla mezzanotte, la tracimazione del Rio Bianello che ha causato i danni maggiori. Anche Rio Enzola è tracimato a monte senza però provocare danni significativi.
 
In poco meno di un’ora, un’onda di fango si è riversata lungo via Marconi scendendo a valle e fermandosi poi su piazza Garibaldi.
Decine gli scantinati delle abitazioni allagate e invase dal fango, così come gli esercizi commerciali presenti in piazza.
Problemi anche nel borgo di Monticelli dove si registrano anche movimenti franosi sulla strada. Il maltempo ha fatto danni anche nel borgo di Rio da Corte con l’acqua che è uscita in pressione da alcuni tombini.
A peggiorare la situazione il fatto che i terreni si trovino in stato di saturazione a cause delle abbondanti e continue piogge di questa primavera.
I soccorsi si sono messi in moto già all’una della notte con l’intervento sul posto dei Vigili del Fuoco, della Polizia municipale dell’Unione Colline Matildiche e dell’Ufficio tecnico comunale e dei carabinieri.
 
“La notizia positiva è che nessuno si è fatto male, non registriamo feriti – le prime parole del sindaco Andrea Tagliavini presente sul posto fin dalle prime ore di stamattina – Ci troviamo di fronte a un evento di natura eccezionale, parlando con i cittadini più anziani nessuno aveva mai visto una roba del genere. Gli interventi fatti a monte sui vari rii che poi si intubano sotto Quattro Castella, hanno solo limitato il danno. La zona industriale di via Milani, per esempio, che solitamente si ritrovava allagata, questa volta non è stata sfiorata dal fango. I soccorsi si sono messi subito in moto. Ringrazio i tecnici del nostro Ufficio comunale che si sono subito attivati per richiamare le aziende specializzate nella pulizia e nel ripristino della situazione. Aziende che ringrazio per la disponibilità dimostrata. Così come ringrazio gli agenti della Polizia municipale e i volontari della Protezione civile giunti da Reggio Emilia, Albinea e Val d’Enza per aiutarci. Contiamo entro sera di ritornare alla normalità. Sono in contatto con la Protezione civile regionale e ho già informato il presidente Bonaccini e l’assessore Gazzolo sulla gravità della situazione”.
 
 


Ultimo aggiornamento: 17/07/18

08/06/18 h. 22.51
Marco dice:

Ottimo lavoro della Protezione Civile, grazie ed ancora grazie.
Certo taluni eventi sono eccezionali ma quando si spendono milioni di euro per progetti europei dando incarichi alle associazioni/società ambientaliste che fanno piovere progetti d'allato senza alcuna conoscenza del territorio, questo è il risultato.
Soldi buttati per accontentare le associazioni ambientaliste che operano in società ricattando enti per aggiudicarsi progetti e far lavorare i loro ingegneri.
Se si ascoltavano alcuni contadini che hanno sempre operato in quei luoghi si potevano evitare certi disagi.

Esprimi il tuo commento