Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Domenica 17.12.2017 ore 18.36
Sei qui: Home | Qualità della vita, Reggio è in ascesa. Classifiche di Italia Oggi e Sole 24 Ore
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Qualità della vita, Reggio è in ascesa. Classifiche di Italia Oggi e Sole 24 Ore


Bolzano, Trento, Belluno. Sono queste le tre città migliori per qualità della vita nella classifica stilata da ItaliaOggi. Il Nord est dunque si insedia ai primi posti nello Stivale.

 
L’indagine, che verrà pubblicata integralmente il 27 novembre, è giunta alla sua diciannovesima edizione ed è stata curata dal Dipartimento di statistiche economiche dell’Università La Sapienza di Roma, con il supporto di Cattolica Assicurazioni. Lo studio prende in esame 9 parametri: affari e lavoro, ambiente, criminalità, disagio sociale e personale, popolazione, servizi finanziari e scolastici, sistema salute, tempo libero, tenore di vita. Per ciascun settore, a ogni provincia è stato dato un voto da 1 a 4. Il risultato ha evidenziato una qualità della vita scarsa o insufficiente per il 58% degli italiani, un dato in crescita rispetto allo studio del 2016 (53,3%). Mentre sono 56 le province su 110 dove la qualità è buona o accettabile, lo stesso numero dello scorso anno.

 
Per quanto riguarda l'Emilia Romagna, Reggio Emilia si piazza al 15esimo posto risalendo di un gradino rispetto al 2016. Davanti c'è Parma che scende al settimo posto dal settimo che occupava. Buona la corsa di Modena che passa dal 21esimo posto del 2016 al 14esimo del 2017. Il capoluogo di regione, Bologna, è 43esima. Mentre in Romagna Forlì-Cesena è 25esima, Rimini 50esima, Ravenna 54esima.

La classifica de Il Sole 24 Ore. Per quanto riguarda invece la classifica de Il Sole 24 Ore è Belluno che si aggiudica la 28esima edizione dell’indagine annuale 2017. 
E i primi sette posti della classifica che, scrive il quotidiano economico, "misura il benessere, non solo economico, dei territori italiani, miscelando 42 indicatori in sei macro-settori, sono tutti occupati da province alpine. E tutte, escluse Aosta e Trento che perdono qualcosa, sono in miglioramento rispetto al ranking 2016". 
In coda alla graduatoria, invece, finiscono soprattutto le aree di Campania e Puglia: ben otto nelle ultime dieci posizioni, con Caserta maglia nera 2017 e Taranto al penultimo posto. Al terz’ultimo c’è Reggio Calabria. Per quanto riguarda l'Emilia-Romagna: Bologna è 14esima e perde sei posizioni sul 2016; Reggio Emilia è 16esima in recupero di 11 posizioni; Forlì-Cesena è 18esima in recupero di 7 posizioni; Parma rimane stabile 22esima; Ravenna scende di 11 posti e nel 2017 è 23esima; Modena si piazza 26esima scendendo di 11 posizioni.
 


Ultimo aggiornamento: 27/11/17

Esprimi il tuo commento