Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Domenica 21.01.2018 ore 13.37
Sei qui: Home | Reggio. Pd: negozi aperti a Natale, servono regole precise
1 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Reggio. Pd: negozi aperti a Natale, servono regole precise


Il Partito democratico di Reggio Emilia interviene sulla disputa dei negozi aperti a Natale e il giorno di Santo Stefano e "ritiene urgente intervenire per ripristinare un contesto di regolazione nelle aperture dei negozi durante i giorni festivi. La totale deregulation nelle aperture, prevista nel 2011 nella manovra «Salva Italia» varata dall'allora Governo Monti, ha a nostro avviso causato un sensibile peggioramento delle condizioni di lavoro e della qualità della vita famigliare dei lavoratori del commercio e dei piccoli negozianti.

 
Il lavoro nei giorni festivi è particolarmente oneroso per i lavoratori in quanto non possono fruire del riposo nelle giornate nelle quali è più facile e gratificante sviluppare le proprie relazioni affettive. Tale perdita relazionale e famigliare ha un valore tale nella vita e nel benessere delle persone che non può essere gestita con semplici compensazioni monetarie. I maggiori costi e sacrifici sopportati in termini di rinuncia al proprio benessere relazionale superano i modesti benefici economici – per altro non equamente distribuiti fra grande distribuzione e piccolo commercio – che la nuova regolazione ha comportato. Non è un caso che sia la Confesercenti che la Confcommercio di Reggio Emilia si siano schierate a favore di una nuova regolazione delle aperture. 
 
Un importante disegno di legge (Ddl n. 1629) è già stato approvato dalla Camera dei Deputati con i voti favorevoli del PD il 25 settembre 2014 e prevede la reintroduzione dell'obbligo di chiusura dei negozi per 12 festività nazionali. E' previsto un sistema di deroghe che consentono un'equilibrata flessibilità per non penalizzare il commercio con vocazione turistico/ricreativa e per far sì che la tutela della qualità della vita dei lavoratori possa tutelare contemporaneamente i diritti dei consumatori. Questo disegno di legge è fermo al Senato, dove non è stato mai calendarizzato per la discussione e la votazione. 
 
La legislatura volge al termine ma il nostro impegno su questo fronte è massimo e siamo aperti a tutte le collaborazioni con le forze politiche che su questa materia la pensano come noi".
 
 


Ultimo aggiornamento: 21/12/17

21/12/17 h. 22.31
Govi S. dice:

Ma brutta banda di farabutti, che siate maledetti voi e chi vi vota! Il governo Monti da chi era sostenuto, da mio nonno? Fate schifo e non conoscete vergogna!

Esprimi il tuo commento