Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Domenica 30.04.2017 ore 22.32
Sei qui: Home | Parma. Primarie Pd, le vince Scarpa
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Parma. Primarie Pd, le vince Scarpa


Sarà Paolo Scarpa il candidato del centrosinistra per le prossime elezioni amministrative del comune di Parma.



Lo hanno deciso le primarie che si sono svolte domenica nella città emiliana. A Scarpa sono andati oltre 3.000 voti su 6.300 partecipanti. Alle sue spalle Dario Costi, con circa 1.900 consensi, e Gentian Alimadhi, fermo a quota 600.
Scarpa, ingegnere di 60 anni, si presentava come candidato civico e ha superato la concorrenza in particolare di Dario Costi, esponente del Pd e sostenuto da gran parte dei dirigenti locali a partire dai parlamentari parmigiani, Giorgio Pagliari in primis.
 
L'affluenza alle urne nei 16 seggi approntati in città è stata di 6.314 votanti. Nel 2012, ultima tornata amministrativa per le comunali di Parma, furono invece 8.336 e la scelta cadde su Vincenzo Bernazzoli, poi battuto al ballottaggio da Federico Pizzarotti, ex M5S ora in corsa con una sua lista, 'Effetto Parma'.

Il segretario regionale del Pd Paolo Calvano ha così commentato il risultato delle primarie a Parma: "Ieri, a Parma, si sono svolte le Primarie per la scelta del candidato sindaco del centrosinistra alle prossime elezioni amministrative. È stata una bellissima domenica di partecipazione con migliaia di donne e uomini che sono venuti ai seggi per esprimere in maniera democratica e trasparente la propria preferenza.
Noi queste cose le facciamo e ne andiamo orgogliosi.
In queste ore sto sentendo tutti i candidati e voglio complimentarmi con loro e in modo particolare con Paolo Scarpa per la sua vittoria. Credo che adesso ci si debba impegnare affinchè si lavori insieme, chi ha vinto con chi è arrivato secondo e terzo e viceversa. Ieri i cittadini di Parma hanno scelto il candidato, ora quello che serve è l'unità. Del PD, innanzitutto - condizione necessaria ma non sufficiente - e poi occorre la capacità di aprirsi alla società e di coinvolgere tutte le energie che a Parma vogliono costruire insieme a noi un progetto alternativo alla giunta attuale".
 
 


Ultimo aggiornamento: 06/03/17

Esprimi il tuo commento