Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 15.12.2017 ore 05.31
Sei qui: Home | Omicidio di Reggiolo, interrogatori in caserma a Reggio
2 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Omicidio di Reggiolo, interrogatori in caserma a Reggio


Francesco Citro, 31 anni, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco davanti alla porta della sua casa di Villanova, frazione di Reggiolo.


 
Erano circa le 23.30 di giovedì 23 novembre, quando l'uomo, sposato, padre di due bambini, è stato freddato in via Giovanni XXIII da mani ancora ignote. Poco prima, circa 3 ore, era stata data alle fiamme la vettura della moglie, ed era stato lo stesso Citro, la vittima, a spegnere il fuoco.
Ora sono in corso nella caserma dei carabinieri di Reggio Emilia degli interrogatori per ricostruire i fatti. Le indagini sono coordinate dalla procura di Reggio Emilia, alla guida il pm Valentina Salvi.
 
Nel frattempo il prefetto di Reggio Emilia Maria Grazia Forte ha convocato un incontro per fare il punto sull'omicidio dell'autista 31enne, residente nella Bassa reggiana, ma originario di Cutro.


Ultimo aggiornamento: 25/11/17

26/11/17 h. 0.28
Antonella dice:

Nessuno merita di morire per mano d'altri a prescindere.Non lo conoscevo bene,ma un ragazzo come tanti e di buonissima famiglia.Anche se non è di Cutro (come viene scritto)qui a Reggiolo co conosciamo un po' tutti noi meridionali. Ormai si vive da tanti anni qua al nord e siamo rispettosi con gli emiliani. La Giustizia farà il suo corso.Una famiglia è stata distrutta.Niente sanera 'questo dolore.

25/11/17 h. 22.11
Isabella dice:

Francesco e Milena erano due cuori e una capanna, Francesco era un ragazzo x bene grande lavoratore e ragazzo tranquillo. sua moglie brava donna di casa come poche, gentile con tutti molto rispettosa pronta a dare una mano o una buona parola a tutti. Francesco Passava il tempo libero con i suoi bambini che adorava lui era innamorato della sua famiglia.Sempre gentile ed educato con tutti noi vicini di casa. Sempre pronto a dare una mano x tutti i lavori di pulizie e x tenere in ordine il verde del condomio Francesco ringraziava x ogni piccolo gesto di gentilezza fatto alla sua spendida famiglia,non può avere fatto nulla di male x meritare una morte così crudele alla sua giovene età. Hanno distrutto una bella famiglia!!! che Dio gli dia la pace del anima e possa vegliare sui suoi figli e su sua moglie!!! Amen!!!

Esprimi il tuo commento