Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 21.08.2017 ore 04.33
Sei qui: Home | Ok della Camera: vaccini sono legge. Tre deputati Pd aggrediti da manifestanti No vax
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Ok della Camera: vaccini sono legge. Tre deputati Pd aggrediti da manifestanti No vax


Dopo il "si'" di ieri alla fiducia, oggi l'Aula ha approvato il provvedimento, con 296 voti favorevoli, 92 contrari e 15 astenuti. Per il sì la maggioranza e Forza Italia, per il no Lega e M5S. Astenuti Fratelli d'Italia.  Scatta quindi l'obbligatorietà per l'iscrizione agli asili nido e alle scuole dell'infanzia. Poi da 6 a 16 anni viene meno l'obbligatorietà ma partono le sanzioni.


Le vaccinazioni. Le vaccinazioni obbligatorie per iscriversi a scuola sono 10: anti-poliomielitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemophilus influenzae tipo b (tutte vaccinazioni obbligatorie in via permanente), anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella (vaccinazioni obbligatorie, sino a diversa successiva valutazione).
 
Le 4 vaccinazioni fortemente raccomandate sono quelle contro meningococco B, meningococco C, pneumococco e rotavirus. In questo modo diventano 14 i vaccini inseriti nel decreto legge. Le vaccinazioni obbligatorie sono gratuite e devono tutte essere somministrate ai nati dal 2017. Per i nati dal 2001 al 2016 devono essere somministrate le vaccinazioni contenute nel calendario vaccinale nazionale vigente nell’anno di nascita.
 
In generale, il rispetto degli obblighi vaccinali diventa un requisito per l’ammissione all’asilo nido e alle scuole dell’infanzia (per i bambini da 0 a 6 anni), mentre dalla scuola primaria (scuola elementare) in poi i bambini e i ragazzi possono accedere comunque a scuola, ma in caso non siano stati rispettati gli obblighi viene attivato un percorso di recupero della vaccinazione ed è possibile incorrere in sanzioni amministrative. Per l’anno scolastico 2017-2018, sono dettate specifiche disposizioni transitorie per la fase di prima applicazione del decreto.
 
Il provvedimento ha l’obiettivo di contrastare il progressivo calo delle vaccinazioni, sia obbligatorie che raccomandate, in atto dal 2013, che ha determinato una copertura vaccinale media nel nostro Paese al di sotto del 95%. Questa è la soglia raccomandata dall’Organizzazione mondiale della sanità per garantire la cosiddetta ‘immunità di gregge’, per proteggere cioè indirettamente anche coloro che, per motivi di salute, non possono essere vaccinati.

Tre deputati Pd assaliti da No-vax. Tre deputati del Pd, Elisa Mariano, Ludovico Vico e Salvatore Capone, sono stati aggrediti verbalmente e insultati, fuori dalla Camera, da un gruppo di manifestanti No Vax. I tre si sono rifugiati dentro un'auto (circondata e presa a calci e pugni) e poi messi in salvo dalla Digos.  Su Twitter il commento del segretario del partito, Matteo Renzi: "Tre deputati @pdnetwork assaliti da manifestanti NO-vaccini. Follia pura. Un abbraccio a Elisa, Ludovico e Salvatore. Noi non ci fermiamo".   "Siamo stati inseguiti da decine e decine di persone, fino a quando siamo arrivati alla macchina. Erano veramente tanti, hanno circondato l'auto, l'hanno presa a pugni e calci. Eravamo spaventati, temevamo che potessero rompere i vetri. Anche perche' alcuni di loro erano davvero grossi, ma c'erano decine di persone, ripeto, di tutti i tipi. Davvero una brutta avventura". Cosi' il deputato del Pd, Salvatore Capon, racconta l'aggressione subita mentre, con i colleghi dem Ludovico Vico ed Elisa Mariano, lasciava Montecitorio dopo il voto sul ddl Vaccini. Per tutta la mattinata i manifestanti No Vax hanno protestato contro il provvedimento varato oggi.  
 
 
 


Ultimo aggiornamento: 28/07/17

Esprimi il tuo commento