Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 18.08.2017 ore 14.29
Sei qui: Home | Morto in bagagliaio, indagine omicidio
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Morto in bagagliaio, indagine omicidio


Si indaga per omicidio contro ignoti, mentre non si esclude neppure la pista di un suicidio simulato, ma resta in piedi, ancora, l'ipotesi di un gesto volontario.



Proseguono le indagini sulla morte del 77enne Anthony Collinssplatt, canadese con passaporto inglese, ex professore dell'accademia militare di Modena, celibe, trovato morto venerdì con un taglio sul collo, all'altezza della gola, nel bagagliaio della sua auto, accesa, all'interno del garage di casa sua, in via Turati a Pavullo.
 
Questa mattina il sostituto procuratore Enrico Stefani ha affidato l'incarico della perizia autoptica ad un medico legale.
Accertamenti che punteranno, in primis, a rilevare la presenza e in che quantità di monossido nei tessuti del cadavere. Questo per stabilire se l'uomo sia morto per intossicazione, a causa del gas di scarico, o per il vistoso taglio, a quanto pare largo ma ancora non si sa quanto profondo.

Indagine per omicidio. La procura di Modena indaga per omicidio in relazione alla morte di Anthony Collinssplatt, 77enne canadese, con passaporto inglese, trovato venerdì privo di vita nel garage della sua abitazione in via Turati a Pavullo.
 
Quella che era stata solo una indiscrezione, ora ha invece i crismi dell'ufficialità. Il pm Enrico Stefani ha ipotizzato proprio l'omicidio nel fascicolo aperto. Se da un lato l'atto ha permesso di chiedere l'autopsia sul corpo dell'ex professore dell'Accademia militare di Modena, dall'altro appaiono numerosi i dettagli che fanno vacillare l'idea che l'anziano possa essersi ucciso. 
 
Il cadavere è stato scoperto all'interno del bagagliaio della sua Nissan Micra, aperto. L'auto era in moto e, dunque, il garage era saturo di gas di scarico. L'uomo, che aveva un taglio all'altezza della gola, non indossava le protesi che abitualmente era costretto a portare dopo un grave incidente di anni fa: gamba destra e avambraccio sinistro. In casa sono state trovate tracce di sangue solo in cucina.
 


Ultimo aggiornamento: 13/03/17

Esprimi il tuo commento