Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 20.11.2017 ore 20.13
Sei qui: Home | Morto il tecnico del Soccorso Alpino Davide Tronconi
1 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Morto il tecnico del Soccorso Alpino Davide Tronconi


Nel pomeriggio di giovedì 19 ottobre,  dopo avere lottato per quattro giorni, il cuore di Davide Tronconi, tecnico trentanovenne del Cnsas, ha cessato di battere.  



Troppo gravi i traumi riportati nell’incidente dello scorso 15 ottobre a Ligonchio, sulla montagna reggiana mentre, con alcuni colleghi della Stazione Monte Cusna di Reggio Emilia, portava soccorso a un escursionista in difficoltà. 
Tutto il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, provato dal dolore, si stringe attorno alla compagna, alla famiglia, agli amici ed ai colleghi.

Il sindaco di Castelnovo Monti e e presidente dell'Unione Comuni dell'Appennino, Enrico Bini, ha così ricordato Davide Tranconi, 39enne tecnico del Saer. "Ho saputo ora della scomparsa di Davide Tronconi, in seguito alle terribili conseguenze riportate dall'incidente che lo ha coinvolto nei giorni scorsi, con un mezzo del Soccorso Alpino, mentre con altri tecnici usciti fortunatamente illesi era impegnato nel recupero di una persona infortunata. Tutta la comunità dell'Appennino si stringe ai familiari di Davide, ai suoi amici, al Soccorso Alpino Emilia Romagna, alla Cooperativa dei Briganti di Cerreto di cui Davide era una colonna importantissima. La scomparsa di un giovane di 39 anni è sempre una tragedia, ma Davide era anche un simbolo, uno splendido rappresentante del nostro territorio e delle caratteristiche della gente che lo vive: la sua bontà e disponibilità, la sua volontà caparbia di darsi da fare e vivere in montagna, di spendersi per essa, il suo sorriso, faranno sì che non lo dimenticheremo. E' una giornata triste per tutti noi".


Ultimo aggiornamento: 19/10/17

20/10/17 h. 8.11
EGIDIO TESSONI dice:

Abbiamo fatto tante ciaspolate insieme sia di giorno che di notte con i Briganti di Cerreto. Ora ci mancherà veramente tanto. Un abbraccio alla famiglia.

Esprimi il tuo commento