Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 21.08.2017 ore 08.34
Sei qui: Home | Modena, molotov contro il centro migranti. Colpita Porta Aperta, struttura della Caritas
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Modena, molotov contro il centro migranti. Colpita Porta Aperta, struttura della Caritas


Un attentato con alcune lanciate contro la sede di 'Porta Aperta', un'associazione di volontariato che è promossa dalla Caritas diocesana e che si trova a Modena in strada Cimitero San Cataldo, a Modena, e ospita oggi anche diversi migranti. E' accaduto quando erano circa le 20 di mercoledì sera, quando ignoti hanno lanciato due molotov  contro la struttura.


Solo una bottiglia incendiaria delle due lanciate ha preso fuoco il ché ha fatto sì che non si sviluppasse un incendio che avrebbe provocato danni ingenti. Sul posto sono subito intervenuti i vigili del fuoco ed una volante della polizia di Stato.
Al momento sono ignoti gli autori del gesto e gli inquirenti stanno setacciando i filmati delle telecamere, non escludendo alcuna pista: da quella che porta proprio alla presenza dei migranti all'interno della struttura ad una 'vendetta' scaturita magari dopo una lite con qualcuno che è ospite.

La condanna del sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli."Un gesto gravissimo, da condannare con decisione. Piena solidarietà a Porta Aperta". Il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli ha commentato così la notizia delle due bottiglie incendiarie, una delle quali è esplosa, scagliate nella serata di mercoledì 19 luglio contro la sede del centro di accoglienza Porta Aperta.
"Spero che le indagini – aggiunge il sindaco - assicurino alla giustizia al più presto esecutori e mandanti. Piena solidarietà a Porta Aperta che svolge un ruolo così importante all'interno della comunità modenese".

Articolo Uno-Mdp: vile attentato. "Ancora una volta dobbiamo ribadire che il clima intimidatorio instauratosi in città è un segnale preoccupante dell'aggravarsi di una cultura dell'intolleranza incentrata ad alimentare paura e disgregazione della coesione sociale.
Una cultura dell'odio che accorpa argomenti privi di linearità, come immigrazione e diritto alla cittadinanza, solo per soffiare sul fuoco del terrore strumentalizzando le ostilità".
 
 
 


Ultimo aggiornamento: 21/07/17

Esprimi il tuo commento