Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Giovedì 21.09.2017 ore 07.11
Sei qui: Home | Max Pezzali, Nek e Francesco Renga sono "Duri da battere"
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Max Pezzali, Nek e Francesco Renga sono "Duri da battere"


di Elisa Alloro

Sono tre amici, sono tre grandi artisti, con tre carriere diverse tra loro ma ugualmente straordinarie. Nek, Max Pezzali e Francesco Renga volevano fare qualcosa di nuovo e d’irripetibile e così hanno pensato - senza “retropensieri”, ci tengono a precisare all’unisono - di uscire dallo studio di registrazione e salire sul palco insieme, per un tour che li vedrà nei principali palasport italiani a reinterpretare i brani più significativi degli oltre 25 anni di carriera di ciascuno di loro.



Insieme sul palco e per tutta la durata dello spettacolo - ognuno portando il proprio stile, la propria storia e il proprio bagaglio di successo - per quella che sembra sarà un’impresa, in primis, per loro: perché avranno un’unica grande band, composta da nuovi musicisti, che si confronterà con un repertorio gigantesco.

Una scaletta ancora non esiste, ma aldilà dei probabili colpi di scena, alcuni pezzi non potranno mancare, per dare un senso di narrazione temporale di tutte e tre le carriere artistiche.

E sono numeri importanti quelli che li accompagnano: oltre 7 milioni di dischi venduti per Max Pezzali, più di 1850 concerti per Francesco Renga e un 2017 che ha regalato a Nek molte soddisfazioni, tra cui quella di essere l'artista italiano più suonato dalle radio.



"Abbiamo, di fatto, fette di pubblico contiguo – azzarda Renga – e trovo accattivante che si sia pensato a qualcosa di unico a cui poter assistere solo una volta e che insieme si suonino e si cantino le canzoni di tutti e tre. Per chi verrà a vederci sarà un po’ come farsi tre tour in una data sola. La speranza e la voglia sono quelle, ovviamente, che questo evento unico sia qualcosa che ricorderanno in futuro".

E sarà l'Unipol Arena di Bologna il 20 gennaio 2018 a dare il via al "Nek Max Renga tour", ancora senza un nome ufficiale; sebbene per Claudio Cecchetto, manager di Max Pezzali, potrebbe tranquillamente chiamarsi "Duri da Battere Tour", come il suo nuovo singolo, da oggi in rotazione radiofonica e motore determinante di questa inedita collaborazione artistica: "Un brano a cui Max per un anno non è mai riuscito a trovare un finale – prosegue Cecchetto - fino a quando non ha pensato proprio a loro: è nato il featuring con Nek e Renga e in un giorno ha consolidato il pezzo".



"Questo video-collage è un’esortazione al sogno - racconta Pezzali - non vuole farsi bandiera di nessuna ideologia o colore, ma rappresenta dei sognatori, che siano o meno riusciti a realizzare il proprio sogno non importa, ma hanno in comune l’averci creduto, l’aver lottato per difenderlo". 

"Mi ha sempre affascinato la forza di volontà dell’essere umano, che è riuscito a superare le proprie debolezze naturali e le avversità dell’habitat per poter sopravvivere, sempre e comunque. Nei grandi processi evolutivi come nelle difficoltà di tutti i giorni, nella vita di relazione come nello sport: essere «duri da battere» non significa essere invincibili, ma avere il coraggio e la determinazione di buttare il cuore oltre l’ostacolo. O almeno di provarci".

I biglietti per il tour, prodotto e organizzato da F&P Group, saranno disponibili dalle ore 16 di mercoledì 13 settembre su TicketOne.it e dalle ore 16 di lunedì 18 settembre nei punti vendita e prevendite abituali. Queste le prime date:
 
20 gennaio all’Unipol Arena di Bologna
22 gennaio al Brixia Forum di Brescia
25 gennaio all’RDS Stadium di Genova
26 gennaio al Pala Alpi Tour di Torino
29 gennaio all’Adriatic Arena di Pesaro
31 gennaio al Pala Sele di Eboli (SA)
3 febbraio al Pal’Art Hotel di Acireale (CT)
12 febbraio al Pala Bam di Mantova
16 febbraio all’Arena Spettacoli Padova Fiere di Padova
20 febbraio al Nelson Mandela Forum di Firenze

Per Milano e Roma dovremo attendere: sembra che le sorprese in serbo non siano finite.


Ultimo aggiornamento: 12/09/17

Esprimi il tuo commento