Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Giovedì 21.09.2017 ore 07.16
Sei qui: Home | Le sentenze si rispettano
3 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Le sentenze si rispettano


di Luca Vecchi

Il pronunciamento odierno del Tribunale di Bologna in appello conferma, rispetto ad Aemilia, l'impianto accusatorio, così come complessivamente era emerso anche da ciò che era stato deciso dal primo grado.
Le sentenze della magistratura si rispettano. In questo senso la decisione annunciata dall'avvocato Pagliani di dimettersi dal suo ruolo di Consigliere Comunale in Sala del Tricolore si configura come una scelta opportuna, oltre che conseguente.
Il Comune di Reggio Emilia sin dalla prima ora ha deciso di costituirsi parte civile nel processo Aemilia, e il Tribunale ha deciso di riconoscere all'Amministrazione un risarcimento di 150mila euro.

L'Amministrazione comunale ha intrapreso, da anni, politiche e azioni concrete contro l'infiltrazione dei clan, a tutela della legalità e contro ogni forma di corruzione. Questo impegno, testimoniato anche dal contributo alla realizzazione dell'aula del processo, proseguirà nei prossimi anni.

Luca Vecchi - sindaco di Reggio Emilia


  • Condividi:
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • Aggiungi a Technorati
  • OKNotizie
13/09/17 h. 23.16
Antitaliano dice:

Ooops, son proprio sbadato: ho dimenticato persino la splendida vicenda della casetta del nostro amatissimostimatissimobrillantissimo Primo Cittadino! Capita a tutti, giusto, di fare acquisti di quel genere da soggetti che in seguito risultano affiliati alla criminalità organizzata?

12/09/17 h. 23.26
Antitaliano dice:

Pardon, dimenticavo Brescello/Cutrello. Sarebbe interessante fare quattro chiacchiere con Coffrini, in presenza di un paio di giornalisti seri (ammesso che ne esista qualcuno in questo paese di servi ).

12/09/17 h. 21.52
Antitaliano dice:

Ah ah ah! Oh oh oh! Sbaglio, amato Sindaco, o Ella è dello stesso partito di codesti galantuomini?
a) 3 maggio 2016: Reggio Emilia, indagine sul catasto, in cui era coinvolto il consigliere comunale Scarpino, bloccata dalla prescrizione.
b) 3 maggio 2016: Lodi, arrestato il sindaco Uggetti (PD)
c) 15 maggio 2016: Marcianise, l'ex sindaco PD Filippo Fecondo indagato per associazione camorristica

Proseguo o basta così?
La vostra fortuna, Ecccellenza, è che gli avversari sono dei rimbambiti a cinque stelle o con la rosa camuna, altrimenti avreste già fatto le valigie da un pezzo (per la Pulce, mi auguro).

Esprimi il tuo commento