Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 20.11.2017 ore 20.10
Sei qui: Home | Islam e razzismo
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo
Layla Yusuf

Islam e razzismo


di Layla Yusuf

Ieri è uscita sui giornali la notizia della presidentessa dei Giovani Musulmani Italiani GMI che ha denunciato un caso di razzismo. Il fatto è accaduto all'aeroporto di Bergamo quando la presidentessa, giunta ai controlli per l'imbraco, si è rifiutata di togliersi la giacca, come devono fare tutti, compresi bimbi e anziani, e per questo qualche addetto alla sicurezza ha perso le staffe finendo per dirle: tornate a casa tua (ovviamente una uscita infelice, a maggior ragione perché lei è cittadina italiana).
 
Quindi, se una persona va in aeroporto, e ha una giacca e sotto è smanicata, sapendo già quali sono le regole attuali di controllo (e che persino i bambini e i vecchi tolgono scarpe, giacche ecc), perché se le si chiede di togliersi la giacca fa storie provocando l'ira degli addetti? E poi da di matto parlando di diritti negati e razzismo, cioè, denuncia gli addetti dopo avere creato lei stessa il problema? Tipo: io provoco, e poi alzo ancora l'asticella, e se qualcuno si arrabbia è islamofobo e razzista? Poi ci domandiamo perché avanza la destra estrema e perché oggi non va avanti lo ius soli? 
 
La domanda che ci facciamo in molti musulmani rispettosi delle regole dello Stato Italiano e dei controlli in aeroporto è: quante migliaia di passeggeri passano dall'aeroporto di Orio al Serio ogni giorno? Quante fra loro sono musulmane col velo? Perché allora l'unica musulmana oggetto di un'intollerabile richiesta razzista, come quella togliersi la giacca pur essendo sotto smanicata, è la presidente dei Giovani musulmani che si stava recando a Bruxelles per parlare proprio di discriminazione? Una persona che viaggia spesso dovrebbe sapere che esistono dei controlli di sicurezza e dovrebbe adeguarsi prima di partire da casa. E se non ha compreso questi fatti essendo anche cittadina Italiana è evidente che c'è un problema.
 
Tesori cari, è ora di smettere di creare divisioni nella società per scopi opportunisticui, personali e sopratutto politici. A mio parere è ora che la sinistra laica/progressista filtri questo tipo di atteggiamenti, in caso contrario si lascia questo compito a Forza Nuova e Casapound. E chi si comporta in questo modo sarà complice dei disastri annunciati che ormai stiamo vivendo. Dobbiamo rispettare le regole dello Stato come fanno tutti. 
 
Finiamola con questi atteggiamenti provocatori. 
 


  • Condividi:
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • Aggiungi a Technorati
  • OKNotizie
Esprimi il tuo commento