Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Domenica 17.12.2017 ore 18.41
Sei qui: Home | Il 17 novembre al teatro Valli di Reggio Die Deutsche Kammerphilharmonie Bremen apre la stagione dei concerti
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Il 17 novembre al teatro Valli di Reggio Die Deutsche Kammerphilharmonie Bremen apre la stagione dei concerti


Sarà la Die Deutsche Kammerphilharmonie Bremen, tra le più prestigiose e coinvolgenti orchestre nel panorama musicale internazionale, diretta da Vladimir Jurowski e con Alexander Melnikov al pianoforte, ad aprire la stagione concertistica della Fondazione I Teatri di Reggio.



L'appuntamento è per venerdì 17 novembre alle 20.30 al teatro Valli: in programma la Sinfonia n. 32 in sol maggiore KV 318 di Mozart, il Concerto per pianoforte e orchestra in la minore op.54 di Schumann e la Sinfonia n. 3 in la minore op. 56 “Scozzese" di Mendelssohn.

Mozart e Schumann sono personalità piuttosto lontane tra loro, quasi opposte: quanto fluente e cristallino è il primo, tanto il secondo è tormentato e intellettuale. Due incarnazioni, diversamente geniali, dello spirito musicale classico e di quello romantico. La Sinfonia K 318 fu ideata in una fase storica di crescita e innovazione del discorso sinfonico, da intrattenimento a mezzo espressivo e costruttivo: una trasformazione cui Mozart contribuì con la sua zampillante immaginazione tematica e strumentale.

Viceversa il Concerto op. 54 è un parto protratto, complesso, ambiguo. Denso e di grande intensità psicologica, è stato definito il più romantico di tutti i concerti pianistici e, secondo le parole di Schumann, “qualcosa a metà fra sinfonia, concerto e grande sonata”, qualcosa cioè che rompe i confini fra i generi codificati in nome dell’espressione individuale.

Mendelssohn sta a metà strada tra le due personalità: forse più vicino a Mozart per indole, e più vicino a Schumann per scelta. La Sinfonia n. 3, scritta dopo un viaggio in Scozia, testimonia questa posizione ambivalente tra il dominio ferreo – e classicistico – della forma e la sensibilità pienamente romantica che lega la creazione all’esperienza del viaggio, alla scoperta di miti originari, di cui la terra scozzese è simbolo ideale.


Ultimo aggiornamento: 14/11/17

Esprimi il tuo commento