Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Martedì 17.07.2018 ore 19.39
Sei qui: Home | I sindaci della Val d'Enza: solidarietà alla Cgil
3 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

I sindaci della Val d'Enza: solidarietà alla Cgil


Volantini contro la Cgil: i sindaci dell’Unione Val d’Enza esprimono solidarietà al sindacato per la “provocazione fascista” che vede la firma di Progetto Nazionale.
 


“Questa ondata di odio arriva in un periodo di clima generale molto preoccupante”, affermano Paolo Burani (sindaco di Cavriago e presidente dell’Unione), Paolo Colli (Montecchio), Luca Bolondi (Canossa), Giuseppe Artioli (Campegine), Andrea Carletti (Bibbiano), Gianni Maiola (Gattatico), Franco Palù (San Polo) e Marcello Moretti (Sant’Ilario). “La Cgil si è sempre posta a sostegno dei diritti dei più deboli e il suo impegno è sempre stato fondamentale per la tutela dei lavoratori, delle lavoratrici, dei disoccupati, dei pensionati e non solo. L’intolleranza, atteggiamenti fascisti, derive xenofobe e omofobe, l’aggressività verbale e sociale non portano a niente di buono e di costruttivo per il nostro Paese. Crediamo che il clima politico e l’atteggiamento di vari esponenti politici nazionali, in questi giorni, siano un pessimo esempio e non fanno altro che alimentare l’odio verso chi viene considerato diverso da sé e legittimare chi ha atteggiamenti fascisti”. E proseguono: “Andrebbero invece intrapresi percorsi di conoscenza, di dialogo e di accoglienza. Siamo ancora un paese democratico? In cui il rispetto dell’altro è uno dei principi fondamentali? Dove sono finiti i principi di solidarietà, la pari dignità, l’uguaglianza? La storia non ci ha insegnato niente?”.
 
Concludono: “La grave provocazione attuata contro diverse sedi della Cgil deve suonare dunque come un campanello d’allarme e, come sindaci dell’Unione Val d’Enza, ci opponiamo fermamente a chi agisce per trascinare il nostro Paese alla deriva, ponendoci al fianco del sindaco di Reggio Luca Vecchi e del presidente della Provincia Giammaria Manghi”.


Ultimo aggiornamento: 23/06/18

25/06/18 h. 23.30
Antitaliano dice:

@Fausto Poli: se è per questo anche Pol Pot partiva da nobili e condivisibili ideali..., forse anche Baffone, l'imbianchino austriaco e il mentecatto di Predappio, per tacer delle checche del Vaticano...

25/06/18 h. 20.32
Fausto Poli dice:

Mi pare che il tema sia quello di criticare la CGIL. Questo sindacato, fondato con giusti ideali, ha perso identità'. Io trovo che il sindacato debba esistere, ma al servizio dei cittadini. C' e da restaurare la CGIL. Le fondamenta tengono ancora. Ribadisco, va rinnovato e de burocratizzato il sistema politico e il giornalismo.

25/06/18 h. 13.41
Antitaliano dice:

Mai sfiorati dal dubbio che il vostro sfiancante chiacchericcio abbia fatto il suo tempo? Mai sfiorati dal dubbio che questi manifesti vengano affissi da qualche sfigato in cerca di visibilità e che parlandone gli facciate un favore?
Siete talmente moderni che tra i firmatari di questo appello non c'è nemmeno una donna, tantomeno un gay dichiarato: siete una classe politica decisamente primitiva.
Vi meritate Salvini e i suoi barbari.

Esprimi il tuo commento