Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 21.08.2017 ore 08.22
Sei qui: Home | I carabinieri: non si poteva sparare a Igor
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

I carabinieri: non si poteva sparare a Igor


Nel Ferrarese, l'8 aprile scorso, non si erano verificate le condizioni senza rischiare conseguenze per sparare a Norbert Feher-Igor Vaclavic, 41 anni, serbo, ricercato per gli omicidi di Davide Fabbri e Valerio Verri.


 
Questo è ciò che valutarono i quei momenti i carabinieri che quella sera lo videro durante la fuga dopo il secondo omicidio. I militari ne controllarono le mosse in attesa che arrivassero i rinforzi. Emerge dagli atti della polizia giudiziaria. Poi da quella notte del super ricercato Igor si persero le tracce, nonostante una serrata caccia all'uomo con migliaia di uomini.
Quella sera dell'8 di aprile tre militari in borghese in auto si imatterono nel ricercato a bordo di un Fiat Fiorino. A quel punto lo seguirono e si avvicinarono fino a quando lui prima puntò contro di lor i fari, poi, apparentemente disarmato, scese per andare in un bosco, non prima di essere tornato indietro per prendere uno zaino militare.
 
Nel Fiorino. Una mappa del cielo, un opuscolo per studiare i geroglifici con all'interno un foglietto per imparare il linguaggio morse, ma anche due settimane enigmistiche dell'anno Duemila e una bottiglia di 'Limoncetta di Sorrento'. Oggetti, oltre a viveri e un mini-kit per medicarsi, che Igor Vaclavic alias Norbert Feher custodiva nel Fiorino rubato e abbandonato l'8 aprile a Molinella, su cui i Carabinieri del Ris di Parma hanno isolato nove impronte digitali riconducibili agli alias dello straniero, accusato di due omicidi tra Bologna e Ferrara. Dalla relazione degli specialisti dell'Arma depositata a maggio si evince anche che su un dizionario italiano-spagnolo, oltre ad impronte di 'Igor', è stata repertata anche un'unica traccia riconducibile ad un altro pregiudicato presente negli archivi. Si tratta di un dominicano, che da tempo sarebbe stato ascoltato sui rapporti con il latitante e tenuto sotto controllo, senza che emergessero elementi utili a rintracciare il killer.
 


Ultimo aggiornamento: 10/08/17

Esprimi il tuo commento