Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 22.05.2017 ore 21.21
Sei qui: Home | Grillo, il 'padrone' del suo blog è un modenese
6 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Grillo, il 'padrone' del suo blog è un modenese


Tutto è iniziato quando il tesoriere del Pd Francesco Bonifazi ha denunciato Beppe Grillo per un post pubblicato sul blog nella primavera del 2016.



Si parlava dello scandalo sul petrolio in Basilicata. Quel post parlava di "un meccanismo perfetto ai danni dei cittadini. Tutti collusi. Tutti complici. Con le mani sporche di petrolio e denaro. Ora si capisce perché il PD ed il governo incitano illegalmente all’astensione sul referendum delle trivelle".



Ma gli avvocati hanno poi precisato che Grillo non è responsabile di quelle frasi perché non ha nulla a che vedere con il blog che porta il suo nome. Il dominio beppegrillo.it, infatti, è stato registrato nel 2001 da Emanuele Bottaro, che ne è ancora il titolare e che per questo motivo è già finito sotto processo. A gestire il sito è la Casaleggio Associati, anche se Beppe Grillo non ha mai chiarito esattamente quali siano i rapporti tra la società, il Movimento e il sito.

 
Emanuele Bottaro è del 1965, lavora per una società di comunicazione che si occupa di ambiente, e vive a Modena. A Repubblica. it che gli chiedeva perché mai sia l'intestatario del dominio, lui ha risposto: "Mi rendo conto che è difficile capire, ma ho un rapporto personale con Beppe, punto e basta. Qualcuno può pensare che io gli faccia da prestanome, che abbia dei vantaggi o che ci guadagni, ma non c'è niente di tutto questo. Io dal blog non ho mai preso un euro". E si intestò il dominio nel "2001. In quel periodo Beppe non pensava alla politica e il dominio era libero: io gli ho detto "prendilo" ma a lui non interessava, così l'ho fatto io. L'ho registrato solo per toglierlo dal mercato, il blog è venuto dopo. L'ho intestato a me prima ancora che arrivasse Casaleggio".
 


Ultimo aggiornamento: 16/03/17

17/03/17 h. 12.26
gianni dice:

Anche oggi per il candidato di Genova ennesima dimostrazione del fascismo degli stelloni : uno vale uno ma io sono io e voi non siete un ca..o!
forse è meglio chiamarlo movimento boccaloni !!

17/03/17 h. 12.26
gianni dice:

Anche oggi per il candidato di Genova ennesima dimostrazione del fascismo degli stelloni : uno vale uno ma io sono io e voi non siete un ca..o!
forse è meglio chiamarlo movimento boccaloni !!

16/03/17 h. 18.17
@Imbambi dice:

proprio considerando i nomi citati, di Grillo e dei suoi yes-men creduloni ne facciamo volentieri a meno!

16/03/17 h. 15.01
Imbambi dice:

Godetevi Renzi, la Boschi, Verdini,Casini,Berlusconi è tutta la banda bassotti... Ve li meritate tutti!

16/03/17 h. 12.24
Paolo dice:

Purtroppo il livello di inadeguatezza-indecenza politico amministrativa attuale potrebbe consentire di arrivare anche più in basso.

16/03/17 h. 10.20
gianni dice:

In tutta questa storia quelli che ancora credono alla buona fede di Grillo e della banda bassotti che ha dietro sono proprio dei babbei ...gli stelloni meritano di credere alla washball, al microchip sottocutaneo e alle scie chimiche ..e DiMaio gli sembra anche uno statista...
Ma quanto in basso si puo arrivare ??

Esprimi il tuo commento