Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 27.04.2018 ore 08.32
Sei qui: Home | Gli Usa attaccano la Siria con Londra e Parigi. Obiettivo: l'arsenale chimico di Assad
1 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Gli Usa attaccano la Siria con Londra e Parigi. Obiettivo: l'arsenale chimico di Assad


Donald Trump ha sciolto le riserve e, a una settimana dall'attacco chimico alla città siriana di Duma, ha ordinato la rappresaglia in stretto coordinamento con Londra e Parigi. Lo ha fatto in diretta tv in un drammatico discorso alla nazione, in cui ha insistito sulla necessità di agire contro i crimini e la barbarie perpetrati dal regime di Bashar al Assad, definito "un mostro" che massacra il proprio popolo. E, come raccontano alcuni testimoni, i primi missili Tomahawk cadevano su Damasco e Homs proprio mentre il presidente americano stava ancora parlando, intorno alle 22 ora di Washington, le tre del mattino in Italia.  
 
Per ora si è trattato di una 'one night operation', un'operazione unica durata poco più di un'ora, nel corso della quale sono stati colpiti principalmente tre obiettivi, come ha spiegato il Pentagono: un centro di ricerca scientifica a Damasco, un sito di stoccaggio per armi chimiche a ovest della città di Homs e un importante posto di comando situato nei pressi del secondo obiettivo. I missili sono partiti sia da alcuni bombardieri sia da almeno una delle navi militari americane posizionate nelle acque del Mar Rosso. 

La premier britannica Theresa May, nel messaggio in cui annuncia il coinvolgimento nell'attacco alla Siria al seguito degli Usa di Donald Trump e al fianco della Francia, precisa che non si tratta di "un intervento nella guerra civile siriana". L'obiettivo "non è un cambio di regime", sottolinea, insistendo sul concetto di azioni "mirate" contro l'arsenale di armi chimiche attribuito alle forze di Bashar al-Assad. Per dissuadere "il regime" dal farne uso e ammonire che non ci può essere "impunità" al riguardo, conclude May.

Macron: ho ordinato l'attacco. Macron, superata linea rossa con attacco chimico "La linea rossa fissata dalla Francia nel maggio del 2017 e' stata superata. Quindi ho ordinato alle forze armate francesi di intervenire questa notte, nell'ambito di un'operazione internazionale congiunta con gli Stati Uniti d'America e il Regno Unito e diretta contro arsenali chimici clandestini del regime siriano". Cosi' il presidente francese, Emmanuel Macron, twittando la foto del momento in cui ha ordinato l'attacco. 
 
L'Italia informata. Gentiloni informato, in contatto con ministri Il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni è stato costantemente informato questa notte degli sviluppi degli attacchi militari in Siria, mantenendosi in contatto con i ministri Esteri e Difesa e con i vertici militari. Nelle prossime è prevista una sua dichiarazione presso la Sala dei Galeoni di Palazzo Chigi. 


Ultimo aggiornamento: 14/04/18

16/04/18 h. 8.40
Paolo dice:

déjà vu, ma questa volta hanno le prove, per davvero, stà scritto anche su "la stampa" e sui maggiori quotidiani nazionali.
Senza entrare nel merito e senza cercare alcuna analisi politica neutrale o di parte, per chi ha età e memoria, quanto accaduto rappresenta l'ennesimo patetico esempio di un mondo finto, twittato e corrotto nei propri organismi nazionali, sovrannazionali e guidato da attori/marionette dotati oltremodo di pessime capacità interpretative.

Esprimi il tuo commento