Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 17.11.2017 ore 20.37
Sei qui: Home | Gdf sequestra 2 kg di cocaina al Marconi
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Gdf sequestra 2 kg di cocaina al Marconi


Un duro colpo inflitto alle organizzazioni criminali del narcotraffico nel corso di controlli eseguiti dai militari del Comando Provinciale di Bologna presso l’aeroporto “Guglielmo Marconi”, a contrasto del traffico di sostanze stupefacenti.

 
Oltre 2 kg di cocaina purissima sono stati sequestrati dai finanzieri del I Gruppo nel corsodi due distinte operazioni che hanno portato all’arresto di due corrieri della droga, entrambi sudamericani.
Il primo “corriere”, un trentatreenne brasiliano, non è riuscito a eludere il controllo dei finanzieri e il fiuto del cane antidroga “CAL” che ha segnalato il bagaglio del soggetto. I successivi approfondimenti hanno portato al rinvenimento di 49 ovuli di sostanza stupefacente, cocaina, abilmente occultati all’interno di tre flaconi di creme per il corpo, per un peso complessivo di circa mezzo chilo. Il cittadino extracomunitario è stato arrestato e la droga sequestrata.
 
Più consistente il sequestro portato a termine nei giorni successivi. Un giovane ventiduenne originario del Nicaragua, in arrivo a Bologna da Madrid è stato fermato e il controllo ha portato al rinvenimento nel bagaglio dell’uomo di tre quadri in legno raffiguranti immagini sacre. Insospettiti dal peso anomalo e dal comportamento assunto dall’uomo nel corso del controllo, i militari hanno deciso di approfondire l’ispezione, rinvenendo 1,5 chili di cocaina purissima, abilmente occultata all’interno dei quadri in cui erano stati ricavati dei vani “ad
hoc” per lo stupefacente. Anche per lui il viaggio in Italia si è concluso con l’arresto per “traffico internazionale di sostanze stupefacenti”.
 
Entrambi i cittadini sudamericani, su disposizione del magistrato di turno, sono stati associati presso la casa circondariale “Dozza”.
Lo stupefacente sequestrato una volta immesso sul mercato al dettaglio avrebbe reso, secondo stime prudenziali, trecentomila euro. L’attività in questione si inserisce nel più ampio contesto operativo di contrasto ai traffici illeciti attuato dalla Guardia di Finanza a tutela dei cittadini anche nell’ambito degli spazi aeroportuali.


Ultimo aggiornamento: 30/10/17

Esprimi il tuo commento