Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 21.07.2017 ore 20.37
Sei qui: Home | Fotografia Europea, via con Franceschini. Il ministro: una forma d'arte da conservare
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Fotografia Europea, via con Franceschini. Il ministro: una forma d'arte da conservare


Sabato 6 maggio

E' iniziata ufficialmente la kermesse di Fotografia Europea che si svolgerà con molte iniziative sino al mese di luglio.



Venerdì 5 maggio è stato il ministro per i Beni culturali Dario Franceschini a "tagliare il nastro". Il rappresentante del governo ha detto che esiste "la volontà da parte del ministero di creare una struttura permanente che si occupi di conservazione della fotografia". E ha aggiunto che la "fotografia sarà tenuta in conto". Visto che il settore "merita attenzione per l'incredibile patrimonio fotografico storico detenuto dalle istituzioni del ministero e dalle soprintendenze e anche una ulteriore valorizzazione come valore di arte contemporanea e creatività".

Venerdì 5 maggio

Per chi ama la fotografia, il conto alla rovescia è ormai terminato: parte la nuova edizione di Fotografia Europea a Reggio Emilia. Il weekend inaugurale: venerdì 5 - domenica 7 maggio. Il tema di quest'anno: Mappe del tempo. Memoria, archivi, futuro. E sarà il ministro ai Beni clturali Dario Franceschini, oggi a Reggio Emilia, venerdì 5 maggio a inaugurare la rassegna.

 
L'edizione 2017 di "Fotografia Europea", rassegna promossa e organizzata dalla Fondazione Palazzo Magnani, insieme al Comune di Reggio Emilia, è stata presentata nella città emiliana. Un ricca proposta di mostre fotografiche nei luoghi espositivi più suggestivi della città, dedicate al tema dell'archivio, come sintesi tra idea di storia, memoria, lettura del presente e visione del futuro. Dal 5 maggio (inaugurazione ore 18) al 9 luglio sarà possibile ammirare gli scatti di maestri come Paul Strand, Gianni Berengo Gardin fino a Joan Fontcuberta (quest'ultimo nella veste inedita di curatore), Baron Wolman ed altri artisti internazionali.
 
Tra i vari appuntamenti, gli Stati generali della Fotografia promossi dal Ministro dei beni culturali che vedranno, domani dalle 11 al Teatro Cavallerizza, il Ministro Dario Franceschini coordinare operatori, addetti ai lavori e ospiti internazionali, in una riflessione sulle strategie di valorizzazione della fotografia in Italia come patrimonio storico e linguaggio contemporaneo. Inoltre mostre ed eventi collegati al festival ospitati in tutta la regione: dalla Fondazione Mast (Manifattura di Arti, Sperimentazione e Tecnologia) di Bologna, dallo Csac- Centro studi e archivio della comunicazione dell'Università di Parma, dalla Collezione Maramotti, raccolta privata di arte contemporanea con sede a Reggio Emilia e dalla Fondazione Fotografia di Modena, una delle realtà italiane più interessanti nell'ambito della fotografia e dell'immagine contemporanea.


Ultimo aggiornamento: 31/05/17

Esprimi il tuo commento