Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 15.12.2017 ore 05.32
Sei qui: Home | Reggio, al Conad arrivano le "Luci del Cuore" a sostegno del Mire
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Reggio, al Conad arrivano le "Luci del Cuore" a sostegno del Mire


Dal 13 novembre è attiva in tutti i punti vendita di Conad Centro Nord di Lombardia ed Emilia Romagna (per le province di Piacenza, Parma e Reggio) l’iniziativa benefica “Le luci del cuore”: fino al 31 dicembre i possessori di Conad Card o Carta Insieme Conad potranno scegliere di collezionare le quattro candele – ognuna di un colore e con un aroma differente – donando per ciascuna di esse 750 punti oppure 400 punti più 3 euro.

 


Per ciascuna candela saranno destinati in beneficenza 50 centesimi a favore di enti e associazioni territoriali a sostegno di sei progetti solidali destinati per lo più ai bambini e alle bambine. Per la provincia di Reggio, in particolare, i fondi andranno all’associazione CuraRE onlus, nata nel 2011 per sostenere la realizzazione del dipartimento Mire - Maternità Infanzia Reggio Emilia, un nuovo edificio che sorgerà all’interno dell’arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio e che avrà come obiettivo la tutela della salute della donna, del neonato e del bambino.

La donazione sarà utilizzata per contribuire all’acquisto di attrezzature mediche specialistiche necessarie per organizzare letti di terapia semi-intensiva in grado di ospitare pazienti bisognosi di alta intensità di cura nel reparto di pediatria. Questo particolare setting assistenziale permetterà di curare con maggior efficacia pazienti che solitamente sono costretti a diversi accessi ospedalieri nei momenti di riacutizzazione del problema.



“Il numero di bambini con malattia cronica è in aumento – ha spiegato Sergio Amarri, direttore della struttura complessa di pediatria dell’ospedale Santa Maria Nuova e membro del consiglio direttivo di Curare Onlus – e noi li accogliamo in reparto quando affrontano momenti di riacutizzazione delle loro patologie. È allora che hanno bisogno di una modalità assistenziale più intensiva. Guardando al Mire, che avrà un settore semi-intensivo pediatrico, ma anche considerando l’attività che già svolgiamo nella sede attuale, il progetto di Conad di donare apparecchiature destinate al supporto delle funzioni di respirazione e nutrizione dei bambini che curiamo è per noi particolarmente importante”.

“Conad, come si evince dal pay off "Persone oltre le cose", è una realtà che cerca di essere sempre vicino alla comunità e a stabilire relazioni con le realtà eccellenti del territorio", ha aggiunto il vicepresidente di Conad Centro Nord Paolo Incerti: "Dal 2011 abbiamo collaborato con l’associazione Apro Onlus raccogliendo, con le iniziative dell’Albero degli amici, i Cuccioli del cuore fino ad arrivare ai Supercoccolosi, 106mila euro che sono serviti all’acquisto dell’acceleratore lineare per l’oncologia e alla realizzazione della gastroenterologia digestiva del Core. Dopo l’inaugurazione di quest’ultima, lo scorso maggio, abbiamo pensato di rivolgere l’attenzione a un progetto che riteniamo altrettanto importante per la città come il Mire".

“Il fatto di aver contribuito, con i nostri soci di Reggio e i nostri clienti, alla realizzazione di questi progetti è per noi motivo di grande orgoglio, oltre a confermarci impresa responsabile all’interno della società. Abbiamo tante aspettative per quest’ultima iniziativa che speriamo possa replicare il successo delle precedenti grazie alla generosità degli abitanti reggiani”.

“Siamo felici di avere un partner importante come Conad Nord Emilia cosi vicino alle persone, che ha deciso di aiutarci concretamente a sensibilizzare la cittadinanza al progetto Mire, un dipartimento che servirà tutto il nostro territorio e che è sempre più una realtà", ha concluso la presidente dell’associazione CuraRE Onlus Deanna Ferretti: “Grazie quindi a tutti coloro che acquistando una candela profumata ci permetteranno di realizzare il Mire, perché solo tutti insieme si possono realizzare i sogni”.


Ultimo aggiornamento: 16/11/17

Esprimi il tuo commento