Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Mercoledì 20.09.2017 ore 16.49
Sei qui: Home | Festareggio, ospiti: cinque ministri e Renzi
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Festareggio, ospiti: cinque ministri e Renzi


Questa mattina di sabato 19 agosto, a Reggio Emilia, è stato presentato e illustrato il programma politico di Festareggio, la kermesse provinciale del Partito democratico quest'anno dal 23 agosto al 17 settembre al Campovolo.

 
Per quanto riguarda il programma politico tra gli ospiti vi saranno cinque ministri che compongono la squadra di governo del premier Gentiloni: Andrea Orlando, Graziano Delrio, Marco Minniti, Maurizio Martina, Maria Elena Boschi. Ma anche l'ex premier Matteo Renzi, Giuliano Pisapia e il sindaco di Parma Federico Pizzarotti.



Ricco il programma del Reggae Fest. Ky-Mani Marley, Chronixx, Sud Sound System (questi ultimi ad ingresso gratuito) e tanti artisti internazionali. Sono alcuni dei nomi che tra pochi giorni celebreranno la terza edizione del Campovolo Reggae Fest che dal 25 al 27 agosto porteranno la grande musica giamaicana a Festareggio. Le prevendite sono aperte per l'accesso all'area del Festival su ticketone.it, vivaticket.it e bookingshow.it e relativi punti vendita autorizzati. Anche quest'anno nomi internazionali e italiani all'insegna della qualità e dei nuovi talenti, con una line up d'alto livello.
 
Ad aprire il festival ci penserà venerdì 25 agosto Ky-Mani Marley, figlio del leggendario Bob, che dopo l'esperienza al fianco di Gentleman, arriva in Europa e non poteva mancare al Campovolo Reggae Festival. Seguendo le orme paterne, Ky-Mani continua la tradizione del pop-reggae per cui la sua famiglia è conosciuta. Da solista, porterà con sé tutta la sua grinta che lo hanno contraddistinto in questi anni di carriera. Nel suo repertorio spiccano album come "Like Father Like Son", "The Journey", "Many More Roads" fino ai più recenti "Radio" e l'ultimo, pubblicato nel 2015, "Maestro". Ky-mani continua con le sue nuove registrazioni ad evidenziare la miriade di influenze della sua produzione musicale rappresentando sicuramente una nuova era del suono. Sul palco dell'Arena, le sue nuove opere offriranno una miscela di generi che toccheranno l'anima interiore di ogni ascoltatore.
 
Sempre venerdì 25 agosto salirà sul palco del festival una leggenda del reggae mondiale: Freddie Mcgregor. Acclamato dal pubblico internazionale per lo stile Philly- Soul, il roots ambassador Freddie Mcgregor presenterà al Campovolo Reggae Fest 2017 il suo ultimo progetto "True To My Roots", un disco che rispecchia l'esperienza, l'intensità e la saggezza che lo contraddistinguono. È un disco genuino, apprezzabile da chiunque senza dare peso alle tendenze o a qualsiasi pregiudizio. Questo non è il classico di un veterano stanco, ma il prodotto ha sonorità che pescano nel passato con un occhio alle nuove frontiere del genere e la consapevolezza di dover rimanere con i piedi ben piantati a terra, come le radici, come proclama il titolo del progetto.
 
A scaldare il pubblico ci penseranno Forelock & Aravak. Forelock negli ultimi anni ha dimostrato di essere la voce più promettente del reggae italiano: con le numerose collaborazioni, nate durante i suoi ultimi due viaggi in Giamaica, si è conquistato il titolo di "Top Singa" dai membri della comunità reggae, italiana e non solo. Nel 2008 Forelock entra a far parte della famiglia Arawak, diventando una delle voci della band, oltre a curare la parte compositiva e i testi dei brani.
Chiuderà la serata la dancehall di One Love Hi Powa e la Ematoras Family – The sound of Reggae Emilia.
 
Sabato 26 agosto è la giornata dei nuovi talenti: saranno ben tre le promesse, ma già ampliamente mantenute come bravura, a salire sul palco del Campovolo Reggae Fest. Si comincia con i Patois Brothers un nome che indica un'espressione lirico-musicale non standard: come il Patois trae origine da lingue diverse, la loro musica vuole essere qualcosa di originale tra le influenze delle diverse sonorità del Reggae. Dopo la pubblicazione del loro primo singolo "Politician", nel 2014 la band inizia il suo primo tour che li porterà da subito ad esibirsi su palchi nazionali ed internazionali, come Overjam, One Love, Jamrock, e molti altri. Dopo l'album d'esordio "Mighty Ways", i Patois Brothers presenteranno a Campovolo il nuovo album "Wise Wild": dodici brani del tutto originali, elaborati in stili molto diversi tra loro, ma ognuno di essi caratterizzato dall'autoproduzione, tra cui un'importante collaborazione con Max Romeo.
 
Subito dopo tocca a Raphael, uno degli artisti di maggior spicco tra le nuove leve del reggae made in Italy. In pochi anni ha solcato i più prestigiosi palchi del vecchio continente affermandosi come uno dei più interessanti cantanti reggae della scena europea. A Reggio Emilia non mancherà di presentare il suo ultimo disco, "RaggaeSurvival", uscito per l'etichetta americana Sugar Cane Records e registrato e mixato tra Giamaica, Stati Uniti e Italia. Reduce dal tour "Mind Vs Heart", che lo ha visto esibirsi in quasi tutti i paesi europei, Messico e Jamaica, con Reggae Survival Raphael si prepara per fare un passo in avanti nella propria carriera passando per il Campovolo Reggae Fest.
 
A concludere in bellezza la giornata del 26 agosto salirà sul palco Chronixx per la sua unica data italiana. L'artista giamaicano con l'album d'esordio "Chronology" è stato consacrato come uno dei più talentuosi esponenti del reggae mondiale. Ad oggi ogni lavoro dell'artista si è rivelato un colpo ben mirato, dai vari mixtape, ricordiamo in particolare Start a Fyah (prodotto da Major Lazer e Walshy Fire) e Roots & Chalice (prodotto da Federation Sound) all'EP Dread and Terrible uscito nel 2014 e che ha raggiunto il primo posto nella Billboard Reggae Album Chart nel mese di aprile.
 
A seguire Dancehall di Northern Lights sound system ed Ematoras Family – The sound of Reggae Emilia
 
Il 27 agosto si chiude all'insegna della migliore produzione reggae nostrana, con gli storici Sud Sound System, veri pionieri del genere in Italia, ad ingresso gratuito.
 
I Sud Sound System, reduci dall'esperienza giamaicana al Reggae Sumfest, sono tra i primi ad aver portato le sonorità reggae e la dance hall giamaicana in Italia. Autori di grandi successi, come "Sciamu a ballare" e "Le radici ca tieni", la loro carriera è costellata di incontri con importanti artisti italiani e internazionali, tra cui la collaborazione con Neffa in "Chiedersi come mai". A tre anni dal loro ultimo lavoro i Sud Sound System sono tornati con il loro decimo album dopo essersi esibiti nelle maggiori capitali europee e per la prima volta in Giamaica. 16 tracce cariche di emozioni e messaggi che li confermano ambasciatori del reggae in Italia e nel mondo e rappresentanti delle inconfondibili sonorità Made in Salento. L'album rivela la doppia faccia degli artisti, che si identificano con i briganti: ribelli, arrabbiati e allo stesso tempo sognatori e innamorati, alla ricerca di un equilibrio nella società attuale. L'ultimo album è fortemente impregnato di testi di denuncia sociale, contro l'indifferenza delle istituzioni alle problematiche giovanili, contro lo strapotere di banche e multinazionali e più in generale contro le violenze di oggi. Allo stesso tempo è un disco di ballate d'amore e di riscoperta della propria terra, ricco di collaborazioni tra cui Enzo Avitabile, U-Roy, Anthony B, Freddy Mc Gregor e Wild Life.
 
Kg Man & The Raggavibes, che presenteranno il loro ultimo lavoro "Dalla Giungla", e Original Sicilian Style, gli ambasciatori del reggae siculo, introdurranno il complesso salentino, per una giornata all'insegna della produzione italiana.
 
 Alle 00.30 gran finale con la Dancehall della Ematoras family – The sound of Reggae Emilia e la Crew del Positive River Festival.


Ultimo aggiornamento: 19/08/17

Esprimi il tuo commento