Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Domenica 21.01.2018 ore 13.34
Sei qui: Home | Emergenza fiumi. La Regione chiede lo stato di emergenza
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Emergenza fiumi. La Regione chiede lo stato di emergenza


“Ho sentito il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, a cui ho illustrato la situazione e ciò che sta avvenendo nei territori colpiti dalle esondazioni.



Gli ho preannunciato che chiederemo lo stato di emergenza, richiesta che potrebbe essere presa in considerazione già nella prossima seduta del Consiglio dei ministri. Anche per questo, oltre a garantire il massimo sforzo per stare accanto alle persone che hanno adesso bisogno, vogliamo arrivare in tempi rapidi a una stima certa dei danni, per avere chiaro il quadro degli interventi di ripristino necessari e delle risorse certe per i risarcimenti a persone e imprese. E per il lavoro fatto e che stanno facendo voglio ringraziare sindaci, prefetti, forze dell’ordine, volontari e tutto il sistema della protezione civile”. Così il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, dopo le esondazioni nelle province di Parma e Reggio Emilia, oltre alla situazione critica nel modenese legata alla piena del fiume Secchia.
 
E per fare al più presto il punto della situazione, sono due i vertici già fissati peer mercoledì: alle 6.30 in Comune a Colorno (Pr), dove si sono verificate infiltrazioni dei torrenti Lorno e Parma; alle 8 in Prefettura a Reggio Emilia, provincia dove la tracimazione del fiume Enza ha richiesto l’evacuazione di circa mille persone a Lentigione, frazione di Brescello. In entrambe le riunioni, il presidente Bonaccini partecipa insieme all’assessore regionale alla Protezione civile, Paola Gazzolo e al direttore dell’Agenzia regionale di protezione civile, Maurizio Mainetti.

 
Nel pomeriggio di martedì l’assessore Gazzolo è stata a Brescello per verificare l’evolversi della situazione dopo che in precedenza aveva tenuto una prima riunione operativa con i vertici del sistema di protezione civile dell’Emilia-Romagna nel centro unificato provinciale (Cup) di Marzaglia (Mo), per fare il punto sulle condizioni del territorio.
 
Nel reggiano allestiti 4 centri di prima accoglienza per gli sfollati nei comuni vicini di Novellara, Castelnovo Sotto e Poviglio.
 
“Siamo in presenza di piene dalla portata storica, mai registrate in passato, per quanto riguarda il Secchia nel modenese, l’Enza, il Parma e il Lorno nel parmense- spiega Paola Gazzolo-. L’intero sistema di protezione civile è mobilitato già da ieri, l’Agenzia regionale, i corpi dello Stato con le Prefetture, i Comuni, i volontari e siamo in contatto costante col Dipartimento nazionale. Stiamo presidiando il territorio e nelle prossime ore saremo in grado di avere numeri esatti su quanto successo e sui danni a cittadini, imprese e patrimonio pubblico”. 
 


Ultimo aggiornamento: 13/12/17

Esprimi il tuo commento