Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 27.04.2018 ore 08.24
Sei qui: Home | Documento. I funerali di Gallinari a Villa Coviolo di Reggio Emilia
1 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Documento. I funerali di Gallinari a Villa Coviolo di Reggio Emilia


Prospero Gallinari nacque a Reggio Emilia il primo gennaio del 1951 e sempre a Reggio Emilia, 62 anni dopo, morì. Era il 14 gennaio del 2013, quando fu stroncato da un infarto, mentre si trovava nel garage di casa. 





Condannato all'ergastolo per attentati e omicidi non collaborò mai con la giustizia. Ma era comunque uscito di cella prima del tempo per problemi di salute.



Negli ultimi anni della sua vita più volte manifestò nel centro storico di Reggio Emilia contro le guerre. Lui, l'uomo del piombo negli Anni di piombo, accanto alla bandiera della pace.



Nel lungo tratto di vita che Prospero Gallinari dedicò alle Brigate Rosse fu per sempre l'irriducibile: da parte sua nessun pentimento, né mai si dissociò dalle Br. Gallinari iniziò a frequentare l'appartamento di via Emilia San Pietro alla fine degli anni Sessanta. Lì, quelli che lo conoscevano, lo chiamavano il compagno "Gallino". Non era considerato un teorico del movimento, ma un braccio.



Un braccio che si armò, trasformandosi in una figura cardine nel sequestro di Aldo Moro (all'epoca dei fatti presidente della Dc) e uno tra gli implacabili massacratori della sua scorta, in via Fani, a Roma, 40 anni fa. 
Per lunghi anni si pensò anche che fosse stato proprio lui l'esecutore materiale dell'omicidio dell'ex presidente del Consiglio Dc. E Gallinari, fedele alla sua linea, pure sui colpi esplosi per uccidere Moro, non proferì una sola parola. Alla fine fu un altro terrorista, Mario Moretti, a dissipare ogni dubbio sui fatti, sull'uccisione dell'uomo di Stato.



Eppure il giorno del funerale dell'irriducibile Br Prospero Gallinari, a Villa Coviolo, un nutrito manipolo di ex, di nostalgici di ferite di un'epoca non dimenticata, ma fortunatamente chiusa, passata, si radunarono davanti al feretro del brigatista defunto e alzarono il pugno chiuso intonando canti (come vi documentiamo in questa pagina). Tra loro anche Renato Curcio, ritenuto negli Anni di piombo l'ideologo delle Br.





 


Ultimo aggiornamento: 16/03/18

19/03/18 h. 19.17
Embé? dice:

Appunto.
Ora facci un servizio sui funerali di Cossiga.

Esprimi il tuo commento