Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Mercoledì 20.09.2017 ore 16.48
Sei qui: Home | Reggio. Marocchino arrestato per lesioni: malore in cella, muore in ospedale
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Reggio. Marocchino arrestato per lesioni: malore in cella, muore in ospedale


E' morto dopo essere stato ricoverato in ospedale Youness Abouloufa El Drissi, marocchino di 37 anni che era stato arrestato dai carabinieri e aveva accusato un malore mentre si trovava in cella di sicurezza della caserma di corso Cairoli a Reggio Emilia.

 
Sulla salma sarà eseguito un esame autotptico per stabile le cause del decesso. L'immigrato era stato trovato ebbro in via Roma a Correggio dai carabinieri di Bagnolo, e una volta condotto in ospedale al San Sebastiano aveva rifiutato le cure mediche provocando disordine e aggredendo i militari. Questa mattina, prima di giungere in tribunale per essere processato per direttissima ha accusato un malore. E' stato poi condotto al Santa Maria Nuova, dove è spirato nel pomeriggio.

L'arresto a Correggio. Colto da malore è stato soccorso dai sanitari e dai carabinieri che dopo averlo lasciato in ospedale, sono dovuti tornare per ripristinare l’ordine in quanto l’uomo, in evidente stato di ubriachezza, oltre a rifiutare le cure sanitarie, stava creando disordine e disturbo all’interno dell’ospedale.


 
Alla vista dei militari, gli stessi che peraltro poco prima l’avevano soccorso, l’uomo è andato su tutte le furie sputando loro addosso per poi aggredirli fisicamente, mandandone uno in ospedale. Solo l’intervento a supporto dei colleghi di un altro equipaggio ha consentito ai militari di avere la meglio sull’esagitato che finiva in manette. Con le accuse di resistenza, violenza a pubblico ufficiale e lesioni, i carabinieri della stazione di Bagnolo in Piano arrestavano il cittadino marocchino Youness abouloufa el Idrissi 37enne disoccupato residente a Correggio, ristretto a disposizione della Procura reggiana. L’uomo comparirà, per la convalida dell’arresto, davanti al Tribunale di Reggio Emilia. 


Ultimo aggiornamento: 05/09/17

Esprimi il tuo commento