Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 17.11.2017 ore 20.37
Sei qui: Home | Consulta, legittimo il bonus Poletti. Pensioni, 'giusta rivalutazione assegni'
3 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Consulta, legittimo il bonus Poletti. Pensioni, 'giusta rivalutazione assegni'


La Corte costituzionale ha respinto le censure di incostituzionalità sollevate dal decreto Poletti in materia di perequazione delle pensioni.



Lo rende noto Palazzo della Consulta. Al vaglio della Consulta vi erano questioni di legittimità sollevate da numerosi tribunali e sezioni giurisdizionali della Corte dei Conti sul decreto Poletti, che il governo, allora guidato da Matteo Renzi, varò dopo la sentenza con cui i 'giudici delle leggi' bocciarono, nell'aprile 2015, la norma Fornero che aveva bloccato per gli anni 2012 -2013 la perequazione automatica delle pensioni con importo mensile di tre volte superiore al minimo Inps (circa 1.450 euro lordi). Il 'bonus' Poletti, dunque, stabilì una restituzione della rivalutazione, ma non totale per tutti. 
 
Il 100% è stato previsto solo per le pensioni fino a 3 volte il minimo Inps, per quelle da 3 a 4 volte fu stabilito il 40%, che scende al 20 per gli assegni superiori di 4-5 volte il minimo, e al 10% per quelli tra 5-6 volte. Chi percepisce una pensione superiore a 6 volte il minimo Inps è stato escluso dalla restituzione.


Ultimo aggiornamento: 27/10/17

26/10/17 h. 9.06
è ora di darci un taglio dice:

E'ora di darci un taglio di chiamare poveri pensionati gente da 3000 ? al mese, e dire che guadagnano per quanto versato in modo ipocrita, quando tutti sanno benissimo che in Italia, gli unici che hanno versato più di quanto percepito sono i morti anzitempo.
Gente che ha usato qualsiasi escamotage per percepire più di quanto avesse diritto, di ogni ceto sociale e professionale ben consigliati dai sindacati.
E' chiaro che le pensioni fino ai 1500 ? non vanno toccate a prescindere per mantenere una dignitosa qualità di vita, le altre vanno portate sotto questo tetto per non penalizzare oltremodo i nostri giovani e per dare un senso a quanto versano.
L'alternativa è il fallimento totale del sistema.

25/10/17 h. 18.04
Cara Anna dice:

Sei volte il minimo sono circa 3000 euro al mese, non lo definirei "povero" pensionato.

25/10/17 h. 17.36
Anna dice:

TagliateVi i VITALIZI e lasciate stare i poveri pensionati !!

Esprimi il tuo commento