Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 21.08.2017 ore 04.30
Sei qui: Home | Cispadana, via valutazione impatto ambientale
1 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Cispadana, via valutazione impatto ambientale


"La pubblicazione del decreto di Via della Cispadana è una bellissima notizia per il territorio, che ha voluto e pianificato da decenni l’opera. Un risultato importante ottenuto grazie all'impegno della Regione e dei ministeri Infrastrutture, Ambiente e Beni Culturali” interviene così l’assessore regionale alle Infrastrutture e trasporti, Raffaele Donini, dopo il via libera alla valutazione di impatto ambientale (Via) sul progetto della Cispadana, l’autostrada regionale che collegherà la A22 del Brennero alla A13 Bologna-Padova, ponendosi come alternativa all’asse centrale del corridoio via Emilia (A1/A14).

 
“Questo traguardo-prosegue l’assessore- rappresenta un successo per chi non si limita a dire soltanto dei No, ma è capace di selezionare le priorità infrastrutturali del territorio, condividerne in modo partecipato la progettualità e portarle a termine con decisione”.
 
“Questa amministrazione- sottolinea Donini- si era proposta di sbloccare le principali opere ferme al palo da decenni. Una dopo l’altra le stiamo sbloccando tutte. Si rassegnino coloro che, per ragioni ideologiche e banalmente strumentali sul piano politico, cavalcano ogni battaglia di retroguardia. Quell’infrastruttura rappresenta per le zone colpite dal sisma e per centinaia di realtà produttive, che continuano a produrre e innovare sul territorio, la più importante delle prospettive di sviluppo. C’è un tempo per la discussione che si è abbondantemente concluso dopo 20 anni di confronto, e un tempo per il fare”.


Ultimo aggiornamento: 29/07/17

29/07/17 h. 23.36
Antitaliano dice:

Avanti cemento! E chi paga, Pantalone? O son già pronte le trombe per abbindolare l'opinione pubblica con la barzelletta del Project Financing?
Le realtà produttive, come le chiama Donini, han bisogno di meno balzelli, non di autostrade inutili il cui costo di realizzazione graverà sulle tasche dei soliti noti, visto che queste autostrade non sono remunerative (vedi Brebemi e pedemontana veneta).

Esprimi il tuo commento