Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 19.01.2018 ore 18.33
Sei qui: Home | Cadelbosco. Ruba birre e pesta la guardia: arrestato e liberato
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Cadelbosco. Ruba birre e pesta la guardia: arrestato e liberato


Da circa tre mesi, con cadenza quotidiana se non di due volte al giorno, si presentava presso il supermercato Ecu di Cadelbosco Sopra acquistando alcune lattine di birra per poi rubarne altrettante.

 
Fermato e redarguito nel passato è diventato violento e ha minacciato i commessi che per paura evitavano di fermarlo. A seguito dell’ennesimo furto, dalla mattina dell’8 gennaio scorso, la direzione ha inviato una guardia giurata per rimediare alla situazione. Un provvedimento che non ha portato i risultati sperati. Nella tarda mattinata di martedì infatti l’uomo faceva di nuovo ingresso nel supermercato venendo seguito a distanza dalla guardia giurata che lo notava rubare 4 latine di birra e alcune scatolette di tonno, che ha nascosto nel giubbotto, per poi presentarsi alla cassa pagando altre 4 lattine di birra. 
 
Oltrepassate le casse, l'uomo è stato fermato dalla guardia giurata che lo ha invitato negli uffici per i controlli. Una richiesta che ha mandato su tutte le furie lo straniero che dalle minacce è passato ai fatti prendendo a schiaffi e pugni la guardia giurata per poi allontanarsi dopo essere riuscito a recuperare le 4 lattine di birra rubate finite a terra. I carabinieri della stazione di Cadelbosco Sopra, allertati dal responsabile del supermercato, accertati i fatti si sono recati nel condominio dove l’uomo era stato notato entrare e dove è stato rintracciato. Era andato a casa di un amico, estraneo ai fatti, dove i carabinieri hanno recuperato anche le 4 lattine di birra rubate. Alla luce dei fatti e considerata la flagranza del reato di rapina l’uomo, identificato nel 41enne Nufou Bara, cittadino del Burkina Faso, domiciliato a Cadelbosco Sopra, l'uomo è stato arrestato. Questa mattina comparso davanti al Tribunale di Reggio Emilia dopo la convalida dell’arresto, in attesa del processo, è stato rimesso in libertà con l’applicazione della misura cautelare dell’obbligo di firma tre volte alla settimana dai carabinieri. 


Ultimo aggiornamento: 10/01/18

Esprimi il tuo commento