Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 27.04.2018 ore 08.29
Sei qui: Home | Auto blu. M5S: record di multe a Bonaccini e giunta
2 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Auto blu. M5S: record di multe a Bonaccini e giunta


"Ventuno multe per eccesso di velocità (anche a 180km/h di media) in poco meno di due anni. Solo quattro pagate, una ancora in via di accertamento e ben 16 annullate o archiviate, ovvero il 76% del totale".



A denunciarlo è Silvia Piccinini, capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle. "Questa vicenda dimostra, per l'ennesima volta, come Bonaccini e la sua giunta non abbiano affatto rinunciato ai privilegi di una certa politica, anzi. Nessuno cittadino, infatti, si vedrà mai annullare una multa per eccesso di velocità perché in ritardo con un altro impegno o magari perché rischiava di perdere un treno o un aereo – spiega Silvia Piccinini - E invece a Bonaccini e ai suoi assessori basta presentare un ricorso annotando la frase "impegno istituzionale" o, nella peggiore dell'ipotesi, arrampicandosi sugli specchi per vedersi cancellata la multa". La capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle adesso presenterà un'interrogazione e un ulteriore accesso agli atti per chiarire ulteriori aspetti della vicenda. "Quello che vorremmo capire è quale sia stato il metro di giudizio utilizzato per annullare queste multe. 

Aggiunge ancora il consigliere grillino: "Ci sono alcuni casi, come quello che riguarda l'assessore Petitti che a marzo del 2016 veniva immortalata in autostrada dal sistema tutor a sfrecciare in auto blu a 159km/h di media, in cui la giustificazione dell'impegno istituzionale non è bastata al Prefetto di Modena per annullare la sua multa, che infatti venne confermata. Peccato che però si trattasse della terza multa presa nel giro di pochi minuti in autostrada e che le altre due, con la medesima giustificazione, siano state tranquillamente annullate".

Ci  sono altri, sostiene il M5S, che "appaiono quantomeno singolari. Per esempio Bonaccini il 7 ottobre del 2016 prende una multa da un velox su una strada provinciale a Ferrara. Come da prassi chiede l'annullamento per motivi istituzionali, il Prefetto gli chiede di specificare meglio e lui si giustifica dicendo che andava di fretta perché doveva tornare a casa in tempo utile per poter predisporre il lavoro del giorno successivo".

Oppure "quello del 9 settembre dello stesso anno quando, sempre l'auto blu su cui viaggia Bonaccini di ritorno da Genova, viene beccata a sfrecciare in autostrada a 171 km/h di media e il presidente spiega che siccome era mezzanotte la strada era libera e quindi senza particolari pericoli, il che giustificava l'eccesso di velocità. Anche in questo caso la multa non viene pagata. Tutte giustificazioni che per i normali cittadini di certo non bastano per chiedere l'annullamento di qualsiasi sanzione. Ecco perché – conclude Silvia Piccinini – chiediamo che su questa vicenda la Giunta chiarisca al più presto. A noi questo sembra l'ennesimo privilegio di Bonaccini e dei suoi assessori".  


Ultimo aggiornamento: 07/04/18

04/04/18 h. 16.16
Antitaliano dice:

Lo voglio vivo. Poi mi arrangio con soltanto un paio di forbicine da unghie.

29/03/18 h. 9.20
il limite di velocita' dice:

senza contare che il limite di velocita' e' un elemento di sicurezza anche per gli altri utenti della strada, non solo per se' stessi. Se avessero provocato un incidente con feriti ( o peggio) volevo vederli a giustificarsi con un " impegni istituzionali", " andavo di fretta", ecc

Esprimi il tuo commento