Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Martedì 17.07.2018 ore 19.41
Sei qui: Home | Attenti, il ciclo è al termine
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo
Primo Gonzaga

Attenti, il ciclo è al termine


di Primo Gonzaga

Osservate i due grafici sotto, ai quali aggiungeremo un piccolo commento per spiegare cosa significa per ciascuno di noi. 

I due grafici sono importantissimi. Sono aggiornati a maggio 2018. Evidenziano che, per la prima volta, dopo molti anni, i bilanci delle Banche centrali si stanno riducendo. Tradotto in parole semplici: con la fine dei vari QE l'acquisto di titoli (soprattutto obbligazioni) nel mondo sta diminuendo o cessando del tutto. L'inflazione degli assets finanziari è alla fine.

ATTENZIONE!!!!
 
 
Perché la cosa tocca tutti?

Breve storia in pillole:

Con la grande crisi finanziaria del 2007/8 il mondo finanziario/bancario rischiava il collasso .

La risposta della Fed (Usa) Bank of England e Bank of Japan è stata la più grande operazione di creazione di moneta della storia. Nel 2012 anche la BCE si è aggiunta alle altre banche centrali, mentre Boe e Fed iniziavano a ridurre il loro intervento.

Negli ultimi 9/10 anni la somma degli interventi delle Banche Centrali ha creato moneta per un valore di circa 12 Trilioni di Dollari (Si fa fatica ascriverlo tanti sono gli zeri).

 
Con la moneta creata sono stati ricomprati sul mercato finanziario soprattutto obbligazioni emesse dagli stati (Btp (I) , T Notes (Usa) , Bund (D), Gilt (Uk) etc . I prezzi delle obbligazioni sono saliti moltissimo e i tassi di interesse sono stati azzerati o sono bassissimi. 

Tassi di interesse bassi vogliono dire mutui poco costosi per le famiglie, credito a buon mercato per le imprese e guadagni per chi (moltissime famiglie italiane) è pieno di Btp od obbligazioni in genere. 

Tassi di interesse bassi vogliono dire anche risparmi immensi per lo stato (in Italia ad esempio 1% in più per i tassi vuol dire circa 22MLD di spesa per interessi ogni anno).

Nel maggio 2018, per la prima volta, sono diminuiti i beni (assets) detenuti nei bilanci delle Banche centrali. E’ il segnale che un ciclo finanziario si sta invertendo e purtroppo, questo non è positivo per l’Italia e per L’Europa che non hanno approfittato del momento eccezionalmente positivo per far ripartire l’economia della UE attraverso gli investimenti e che ora si troveranno a in una situazione economica mondiale avversa. 

Ciascuno poi comprenda (come famiglia e come imprenditore) in quale parte del ciclo economico ci troviamo e ne prenda atto per le sue scelte personali o aziendali.  
Consiglio anche di leggere Cicli economici e Pmi per comprendere l’importanza del segale di maggio. 
 


  • Condividi:
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • Aggiungi a Technorati
  • OKNotizie
Esprimi il tuo commento