Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 18.08.2017 ore 14.24
Sei qui: Home | Anti-terrorismo, le teste di cuoio a Reggio
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Anti-terrorismo, le teste di cuoio a Reggio


Unità anti-terrorismo dei Carabinieri appositamente addestrate saranno dispiegate nelle prossime settimane per aumentare le misure di vigilanza e sicurezza a Reggio e provincia.

 
I militari della Sos - Squadra Operativa di Supporto - sono già arrivati a Reggio Emilia, mandati direttamente dal Comando generale dell’Arma dei carabinieri di Roma d’intesa con il Ministero dell’Interno. 
 
E’ necessario precisare che la presenza delle SOS in questa provincia non è stata pianificata per un concreto “allert terroristico” ma rientra in una strategia di prevenzione qualificata e dedicata a garantire la sicurezza dei cittadini. L'impiego di queste squadre speciali, con equipaggiamento più specifico rispetto alle normali pattugli dei comandi territoriali dei carabinieri, rappresenta un "moltiplicatore di forze" a supporto del dispositivo di sicurezza e anti-terrorismo già in essere a Regio Emilia e provincia. Si tratta di militari addestrati dal Gis, Gruppo d'Intervento Speciale dei Carabinieri che grazie al loro supporto consentiranno una maggior attività di vigilanza dinamica e dedicata agli obbiettivi sensibili a rischio. Le Sos, sono unità operative composte da 12-24 militari che risiedono presso i Reggimenti e Battaglioni mobili dei carabinieri  e sono alle dirette dipendenze del Comando Generale che le impiega, come nel caso della nostra provincia, per garantire un controllo maggiore e capillare del territorio.
 
 
 


Ultimo aggiornamento: 11/03/17

Esprimi il tuo commento