Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Domenica 21.01.2018 ore 13.34
Sei qui: Home | Alleanza 3.0: è una protesta immotivata
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Alleanza 3.0: è una protesta immotivata


“Uno sciopero immotivato e irresponsabile a fronte di una disponibilità che è stata più volte ribadita a chiudere la trattativa sulla base di una proposta chiara e comunque distintiva”. Così Coop Alleanza 3.0 replica alle accuse dei sindacati di Reggio Emilia che hanno indetto uno sciopero dei lavoratori della grande distribuzione organizzata per il prossimo venerdì 22 di dicembre.

 
“Primaria missione della cooperazione di consumatori – ribadisce Coop Alleanza – è quella di salvaguardare la propria capacità competitiva garantendo a soci e clienti un adeguato servizio e tutelando così anche l'occupazione”. Ed è “sulla base di questi presupposti che Coop si è seduta in più occasioni al tavolo della trattativa”, viene sottolineato. Nemerito delle questioni poste da Cgil, Cisl e Uil “fin dall’inizio è stata dichiarata la disponibilità a garantire a conclusione del contratto l’incremento retributivo di 85 euro mensili, proponendo di mantenere le norme sociali piu’ avanzate rispetto ai diretti competitor in materia di trattamento economico di malattia e infortunio (conservando il posto di lavoro fino a completa guarigione clinica) e puntando a un rafforzamento del welfare sanitario a totale carico delle cooperative recuperando le risorse necessarie dalla normativa di contrasto all’assenteismo”. Normativa, “e’ bene ricordare che in tema di trattativa i sindacati hanno concesso da anni alle altre sigle della grande distribuzione organizzata”.
 
Tuttavia, “malgrado la chiarezza della proposta, si registra una fase di stallo aggravata ancora di più dallo sciopero preannunciato”. Nonostante cio’ “anche in questa particolare circostanza le cooperative confermano ancora una volta la volontà di rinnovare un contratto scaduto da 4 anni non arretrando ma viceversa salvaguardando la propria distintivita’ sociale”.


Ultimo aggiornamento: 21/12/17

Esprimi il tuo commento