Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 15.12.2017 ore 05.22
Sei qui: Home | Aids, in Emilia i casi sono in costante calo
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Aids, in Emilia i casi sono in costante calo


La buona notizia è che in Emilia-Romagna sono sempre meno i nuovi casi di Hiv tra i residenti.



Continuano ad aumentare, invece, le persone che arrivano tardi alla diagnosi: 1 su 2 (55% delle nuove diagnosi) scopre di essere positiva nella fase avanzata dell’infezione o già in Aids. Anche per questo, per la Giornata mondiale dell’1 dicembre, in tutta la regione le Aziende sanitarie, con le associazioni di volontariato, organizzano nelle piazze incontri informativi aperti ai cittadini per promuovere una sessualità consapevole e rapporti protetti. In molte piazze sarà possibile fare il test Hiv in forma anonima e gratuita: domani, venerdì 1, o sabato 2 dicembre medici e infermieri delle Aziende sanitarie saranno a disposizione per eseguire il test, salivare o con semplice puntura sul dito. Una diagnosi precoce di Hiv consente, infatti, di attivare tempestivamente cure efficaci. Tutti gli incontri sono segnalati nel sito ER Salute http://salute.regione.emilia-romagna.it/ e sul sito regionale www.helpaids.it.
 
Il numero verde e il sito Helpaids per le consulenze gratuite. Il numero verde Aids 800 856080 regionale è attivo dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 18 (il lunedì anche dalle 9 alle 12). Inoltre, 24 ore su 24 è attiva la risposta automatica alle domande più frequenti. Il sito www.helpaids.it offre informazioni, approfondimenti e consulenze in anonimato, a cui risponde un’equipe di infettivologi, psicologi, ginecologi e ostetriche.
 
La campagna informativa: prevenzione e contrasto allo stigma. “Proteggersi sempre, discriminare mai” è il messaggio della campagna regionale di informazione e sensibilizzazione rivolta ai cittadini. All’attenzione per la prevenzione si affianca l’impegno a contrastare lo stigma, il pregiudizio nei confronti delle persone sieropositive o malate di Aids. Oltre a manifesti e video, c’è anche una campagna web che parte in questi giorni su Google e Youtube fino a primavera.
 


Ultimo aggiornamento: 01/12/17

Esprimi il tuo commento