Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Giovedì 21.09.2017 ore 07.12
Sei qui: Home | Aeroporti in Emilia, piano di rilancio. Progetti su Parma, Rimini e Forlì
3 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Aeroporti in Emilia, piano di rilancio. Progetti su Parma, Rimini e Forlì


"La Regione è impegnata a sostenere finanziariamente l’allungamento della pista dell’aeroporto di Parma e ha manifestato alla società che gestisce il Fellini la propria disponibilità a sostenere la promozione dello scalo riminese".

 
E per l’aeroporto di Forlì, la Giunta regionale guarda "con interesse" la cordata di imprenditori romagnoli (compresi Cmc e gruppo sanitario Villa Maria) intenzionata a partecipare al bando per la gestione del Ridolfi, rinnovando la piena disponibilità. E’ l’assessore regionale ai trasporti, Raffaele Donini, ad aver fatto il punto sugli aeroporti regionali (tre di importanza strategica sui 38 in Italia, con Bologna - tra i primi scali nazionali - Parma e Rimini, oltre al rilancio di Forlì) nella seduta congiunta delle commissioni Territorio e Politiche economiche, presiedute da Manuela Rontini e Luciana Serri. 
Presente anche l’assessore al turismo, Andrea Corsini, che per Forlì ha ribadito massima disponibilità, come per gli altri aeroporti regionali, a collaborare con la società che si aggiudicherà la gestione dello scalo nella promozione del territorio, attivando progetti di co-marketing con tour operator. Disponibilità della Regione anche a incentivare nuove tratte che abbiamo come destinazione in particolare Rimini e Forlì, una volta riaperto il Ridolfi, sfruttando una novità prevista dall’Unione europea, sinergie di promozione e marketing turistici con singoli vettori interessati. 
 
 
 


Ultimo aggiornamento: 07/09/17

07/09/17 h. 17.32
Il barista dice:

Mentalita' feudale

07/09/17 h. 11.10
Uomo della strada dice:

Ma anche a me paiono un po' troppi, francamente...

07/09/17 h. 9.43
Adolf dice:

Dio solo sa cosa serviranno mai quattro aeroporti internazionali in una sola regione, se non a distribuire tangenti ai politici di riferimento.

Esprimi il tuo commento