Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 21.08.2017 ore 04.29
Sei qui: Home | Aemilia, minacce mafiose al sindaco di Reggio Vecchi: 2 assolti, 'il fatto non sussiste'
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Aemilia, minacce mafiose al sindaco di Reggio Vecchi: 2 assolti, 'il fatto non sussiste'


Otto imputati condannati fino a tre anni per vari reati, ma anche due assoluzioni dall'accusa di minacce mafiose al sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi. Si è concluso così il processo in rito abbreviato davanti al Gup del tribunale di Bologna Alberto Gamberini, per uno dei filoni delle inchieste di 'Ndrangheta 'Aemilia'.

 
Assolti perché il fatto non sussiste Pasquale Brescia, già imputato nel processo principale e l'avvocato Luigi Antonio Comberiati (difeso dall'avvocato Gianluca Malavasi), accusati di minacce per la lettera indirizzata al primo cittadino e recapitata l'1 febbraio 2016 all'edizione reggiana del Resto del Carlino. Brescia è stato condannato a cinque mesi e 10 giorni per un'altra imputazione. 
Assolto invece l'ex autista del questore di Reggio Domenico Mesiano, qui accusato di detenzione di munizioni da guerra. Due anni e 5 mesi per Giuseppe Giglio, ora collaboratore di giustizia. Alla lettura della sentenza era presente per l'accusa il procuratore aggiunto vicario, Valter Giovannini.

In una nota il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi ha detto: "Le decisioni del giudice al termine di un percorso processuale si rispettano e non si commentano, in qualsiasi caso. In questo modo mi sono comportato sin qui e continuerò in questa direzione.
 Sulla vicenda che mi ha interessato della lettera resta ferma il giudizio che espressi in quei giorni. La riunione di Coordinamento interforze presieduta dal Prefetto Ruberto rappresento' valutazioni e prese decisioni che davano il senso della gravità di quanto accaduto.
L'iniziativa della Direzione Distrettuale Antimafia che decise di procedere con la contestazione di specifiche ipotesi di reato ci portarono a valutare come coerente e doverosa la costituzione di parte civile.

Valuteremo ora da un punto di vista legale nel proseguio di questa vicenda le decisioni da assumere".
 


Ultimo aggiornamento: 20/07/17

Esprimi il tuo commento